Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.970,21
    +240,01 (+0,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Attacco hacker, Green Pass, prenotazioni visite e vaccini: settimane per tornare alla normalità nel Lazio

·1 minuto per la lettura
- (Photo: ansa)
- (Photo: ansa)

“Attacchi hacker? Ne subiamo centinaia ogni giorno, ma non di questa portata”. Lo spiega in un’intervista al Corriere della Sera Vittorio Gallinella, direttore dei sistemi infrastrutturali di LazioCrea. “Stiamo decrittando, è la controffensiva al malware, è l’unico modo per evitare riscatti o simili, ma ci vuole tempo”, spiega l’ingegnere elettronico esperto di Cybersecurity e Information Technology nella Pubblica amministrazione. “Ci vorranno settimane di lavoro per uscirne, dobbiamo esportare interi database ma a settori”, ammette Gallinella che conferma la sicurezza dei dai sanitari, non toccati dall’attacco: “Nessuno li tocca e a breve saranno nei cloud”.

L’attacco informatico sta comportando non solo lo stop alle prenotazioni di vaccini, ma a tutte le visite ospedaliere attraverso i sistemi Cup e Recup, agli screening programmati, alla fatturazione elettronica e alla scelta e revoca del medico curante. Qualche disagio potrebbe riguardare anche i pazienti in attesa del risultato del tampone molecolare: a tale proposito, la Asl Roma 1 fa sapere che “ci potrebbero essere dei ritardi ma garantiamo che i positivi verranno avvisati tempestivamente”.

Anche per ottenere il Green Pass sarà necessario più tempo. Come scrive Repubblica, quello che prima negli hub si faceva in un click, ora si fa manualmente:

All’ingresso gli operatori compilano dei fogli prestampati: nome, cognome, codice fiscale, numero prenotazione. Poi, a fine giornata, i fogli vengono raccolti e portati alle Asl. Lì gli operatori li trascrivono su un foglio Excel, che viaggia alla volta della Regione, poi alla struttura commissariale, che infine li invierà all’anagrafe vaccinale nazionale, collegata con il sistema governativo che emette i Green Pass.

“Per quanto riguarda il Green Pass potrebbe esserci qualche ritardo, ma parliamo di 24 ore”, ha detto l’assessore alla Sanità D’Amato.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli