Italia markets close in 8 hours 4 minutes
  • FTSE MIB

    22.185,45
    +97,09 (+0,44%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,62
    +0,35 (+0,67%)
     
  • BTC-EUR

    27.387,94
    -101,79 (-0,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    675,99
    -0,91 (-0,13%)
     
  • Oro

    1.851,90
    -4,30 (-0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,2177
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.614,69
    +12,28 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8882
    -0,0010 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0784
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5460
    -0,0039 (-0,25%)
     

Attacco malware alla Campari: "Violati e compromessi alcuni dati aziendali e personali"

Lorenzo Santucci
·1 minuto per la lettura
(Photo: AFP via Getty Images)
(Photo: AFP via Getty Images)

Il gruppo Campari è rimasto vittima di un “attacco ransonmware” dopo “un accesso non autorizzato alla propria rete”. A renderlo noto, attraverso una nota, è stata la stessa azienda che ha poi comunicato come siano stati violati e compromessi alcuni dati personali e aziendali, pari a 2 terabyte.

Tra questi, Campari fa riferimento a “documenti e informazioni aziendali riservati (come contratti, analisi, presentazioni, contabilità)”. Per quanto riguarda i dati personali trafugati dall’attacco malware, questi facevano riferimento a 4.736 dipendenti, 1.443 ex dipendenti e 1.088 consulenti con nome, cognome, indirizzo e-mail, numeri di cellulare (solo dipendenti ed ex dipendenti), ruolo, linee di riporto, numero identificativo personale nel Network Campari: tutti come erano registrati in tale elenco per scopi aziendali.

Campari si scusa per quanto accaduto e ha voluto “porgere le proprie scuse più sincere per ogni eventuale complicazione e preoccupazione che tale situazione possa causare ai propri dipendenti, clienti, fornitori, partner commerciali potenzialmente coinvolti, nonché ai suoi numerosi stakeholder. Poiché è in corso un’indagine, è possibile che nuovi fatti possano venire alla luce in futuro”, conclude il gruppo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.