Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.277,49
    +70,07 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    33.679,39
    -102,09 (-0,30%)
     
  • Nasdaq

    11.085,14
    +3,13 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    27.901,01
    +326,58 (+1,18%)
     
  • Petrolio

    71,35
    -0,11 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    16.272,12
    -187,47 (-1,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    403,74
    -2,51 (-0,62%)
     
  • Oro

    1.811,20
    +9,70 (+0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,0549
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    3.958,71
    -4,80 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.900,87
    +450,64 (+2,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,62
    +21,35 (+0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8593
    -0,0032 (-0,37%)
     
  • EUR/CHF

    0,9846
    -0,0038 (-0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4370
    +0,0025 (+0,17%)
     

Audi sviluppa il riciclo fisico della plastica

(Adnkronos) - Audi promuove lo sviluppo sostenibile implementando il ricordo al riciclo per favorire l’efficientamento delle risorse.

Grazie alla collaborazione con l’Istituto Fraunhofer, Audi ha sviluppato un inedito metodo per il riciclo fisico delle plastiche che andrà ad aggiungersi ai già consolidati processi di riutilizzo delle risorse.

Nuove tecniche di lavorazione dei materiali primari rinnovabili e non, i componenti provenienti dal riciclo e riutilizzati, vengono valutati sotto il profilo dell’investimento di risorse necessarie per garantire loro una “seconda vita”.

Mike Herbig Responsabile del Team Polimeri di Audi: “Il Brand mira a individuare molteplici materiali che possano sostituire la plastica e qualora questo non sia possibile, a recuperare virtuosamente i componenti plastici, così da chiudere il ciclo di vita”.

Gli standard qualitativi che i componenti plastici delle vetture della Casa dei quattro anelli, devono superare, sono particolarmente elevati, dalla sicurezza in caso di impatto alla resistenza al calore, agenti atmosferici e a solventi, lubrificanti e fluidi idraulici, il tutto senza trascurare la durata nel tempo, la stabilità dimensionale e la conservazione del feeling tattile.

Audi così ha sviluppato in partnership con gli scienziati del Karlsruhe Institute of Technology un processo di riciclo chimico della plastica in modo da smaltire anche i rifiuti plastici misti, con un grande vantaggio non solo ambientale ma anche economico.

La plastica non viene trasformata in un prodotto diverso, bensì dissolta mediante solventi, ciò non comporta alcuna degradazione chimica, perché le catene polimeriche rimangono intatte.

Martin Schlummer Instituto Fraunhofer: “Vengono utilizzati come solventi solamente sostanze non nocive. I solidi in grado di interferire con il risultato finale del riciclo fisico vengono separati”.

Già oggi una Q4 e-tron può contare su 27 componenti realizzati con prodotti secondari, dal rivestimento delle cerniere delle portiere, alle cornici e gusci dei passaruota fino agli spoiler aerodinamici posti in corrispondenza delle ruote.