Italia markets open in 5 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    +260,07 (+1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.727,48
    +204,22 (+0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,2134
    +0,0019 (+0,16%)
     
  • BTC-EUR

    28.601,97
    -10,07 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    687,67
    -12,94 (-1,85%)
     
  • HANG SENG

    29.996,61
    +34,14 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     

Aumentano le scaleup italiane, nel 2020 680 milioni di raccolta

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 gen. (askanews) - Aumentano le scaleup italiane, le imprese innovative con un business model chiaro e scalabile conquistano finanziamenti anche nell'anno nero del Covid-19. Se a dicembre 2019 se ne contavano 228 per 2,3 miliardi di raccolta, a settembre 2020 sono 261 le scaleup italiane (+33) con i round che hanno portato a 2,7 miliardi di euro gli investimenti complessivi (+375 milioni nell'ultimo anno). Sono i dati del report 'Tech Scaleup Italy 2020', realizzato da Mind the Bridge in collaborazione con AWS.

"La nostra stima è che l'Italia dovrebbe chiudere il 2020 con 680 milioni di dollari di nuovi finanziamenti e con circa 48 nuove scaleup, portando il totale a 276. Un anno record, nonostante Covid-19", ha spiegato Alberto Onetti, Chairman di Mind the Bridge.

Secondo la ricerca, in base ai dati consolidati del 2020, le scaleup italiane sono il 3% di quelle censite in Europa ma sono state capaci di raccogliere cumulativamente solo l'1,4% dei finanziamenti europei: lo 0,1% del Pil nazionale, un dato al di sotto della media continentale (0,73%) e distante da Regno Unito (1,97%), Francia (0,62%), Germania (0,58%), Spagna (0,35%), Portogallo (0,25%) e anche Grecia (0,13%).

In Europa, ha sottolineato Onetti, "i dati preliminari del 2020 indicano una prevedibile tendenza al ribasso in termini di nuove scaleup, circa -25% anno su anno, e di capitale raccolto, circa -20% anno su anno. Una flessione importante, soprattutto se confrontata con la contrazione stimata del PIL europeo, attualmente tra il -7 e il -12%".

L'Italia si mostra quindi in controtendenza per il 2020 con un terzo trimestre incoraggiante: il 60% delle scaleup italiane, si legge nel report, ha registrato un aumento sia in termini di ricavi che di organico per tutto il 2020. Solo una su sei ha riportato una contrazione, mentre per quasi un quarto delle scaleup i ricavi e l'organico sono rimasti stabili.