FTSE MIB
21.933,50
+257,75
+1,19%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.376,53
+258,81
+1,12%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.715,91
+41,17
0,62%
^FTSE
Dax
9.609,90
+65,71
0,69%
^GDAXI
Dow Jones
16.501,65
-12,72
0,08%
^DJI
S&P 500
1.875,39
-4,16
0,22%
^GSPC
Nikkei 225
14.404,99
-141,28
0,97%
^N225
Euro-Dollaro
1,3824
0,0006
0,05%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8231
0,0004
0,04%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2206
0,0003
0,03%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5954
0,0005
0,09%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,5045
0,1784
0,13%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6393
0,02
0,23%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,3157
0,039
0,08%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,60
0,16
0,16%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,76
0,03
0,68%
NGK14.NYM
Oro
1.283,50
-1,10
0,09%
GCM14.CMX
Argento
19,33
0,11
0,56%
SIK14.CMX
Rame
3,09
0,03
0,90%
HGK14.CMX
Grano
682,50
0,25
0,04%
WN14.CBT
Mais
510,50
+1,00
0,20%
CN14.CBT
 

Aumento dell'Iva, tutti i pro e contro

L’aumento dell’Iva deprimerà, ancora di più, l’economia di un Paese in piena recessione. Dopo l’approvazione della legge di stabilità da parte del Consiglio dei ministri, l’argomento che tiene banco è l’aumento dell’Iva e la retroattività delle deduzioni fiscali. Il testo è al vaglio del Parlamento che dovrà decidere se approvarlo e, eventualmente, cosa cambiare.

Il governo ha optato per un taglio di un punto delle aliquote più basse Irpef: si scende dal 23% al 22% per i redditi fino a 15mila euro e dal 28% al 27% per quelli tra i 15mila e i 28mila euro. Mentre l’imposta sul valore aggiunto salirà, da luglio 2013, dal 10% all’11% e dal 21% al 22%. Oltre a questo, il Consiglio dei ministri è intervenuto anche su deduzioni e detrazioni. In barba allo statuto del Consumatore, però, che prevedeva eventuali modifiche per l’anno fiscale successivo a quello di approvazione della legge. Invece il governo Monti pare intenzionato a rendere le deduzioni retroattive: “Si paga nel 2013, ma chiaramente l’effetto riguarda i redditi del 2012”, ha precisato il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli. Insomma, per tutti scatteranno i tagli alle agevolazioni fiscali: arriva un tetto di 3mila euro alle detrazioni e per molte deduzioni (ma non su quelle per la sanità) viene introdotta una franchigia di 250 euro. Per esempio, saranno interessati la beneficenza, gli assegni al coniuge, i contributi previdenziali, la previdenza complementare. Potranno essere dedotti, ma dai 250 euro in su. Per quanto riguarda le detrazioni, invece, ovvero gli interessi passivi del mutuo, le spese funebri, le spese per l’università e la beneficenza potranno raggiungere un massimo di 3mila euro.

Per il Codacons la spesa annua media per un nucleo familiare di tre persone aumenterà di circa 324 euro per colpa dell’iva più cara. Secondo l’Ufficio studi di Confcommercio, invece, l’azione congiunta del taglio dell’Irpef e aumento dell’Iva determinerà maggiori risorse per le famiglie pari a circa un miliardo e mezzo di euro per il 2013, ma nel 2014 le risorse saranno minori di circa due miliardi: a conti fatti, il peso sul bilancio domestico è sempre di 500mila euro in meno in due anni. Per i redditi più bassi, poi, l’aumento dell’Iva avrà conseguenze ancora più pesanti. La Cgia di Mestre ha evidenziato che per chi ha un reddito fino a 8mila euro (quella che viene considerata la no tax area), ci sarà un aggravio fiscale conseguente all’aumento dell’Iva, unito al peso delle deduzioni e detrazioni.

Il quadro non è certo dei migliori. Diminuire il potere d’acquisto delle famiglie già con il portafoglio mezzo vuoto potrebbe rivelarsi un boomerang. Ma non è che con l’aumento dell’Iva qualcuno potrebbe approfittarne per ritoccare, all’insù, i prezzi? In effetti, bisognerebbe controllare che ciò non avvenga e l’incaricato sarebbe Mister Prezzi. Il condizionale è d’obbligo visto che ormai da mesi se ne sono perse le tracce. In teoria è stata prevista un’apposita figura, ossia quella del Garante per la sorveglianza dei prezzi, Mister Prezzi appunto, che all’anagrafe risponde al nome di Roberto Sambuco. Scelto tra i dirigenti del ministero dello Sviluppo economico, svolge i compiti di vigilanza per scongiurare il fondato pericolo che l’aumento dell’Iva si trasformi in una rivisitazione selvaggia dei listini. Aumenti sconsiderati dei carburanti o delle Rc auto o tariffe troppo alte per un determinato servizio, ecco che Mister Prezzi dovrebbe intervenire, coadiuvato dalla Guardia di Finanza.

La realtà, però, è ben diversa. Mister Prezzi non ha alcun potere concreto di intervento e non può sanzionare gli speculatori. Anzi, non percepisce nessuno stipendio e non ha neanche una struttura che gli fa capo. Una sorta di figura, tipica della peggiore tradizione italica, più rappresentativa che altro. E anche questa funzione, pare, stia scomparendo, dal momento che non se ne sono perse le tracce da settimane. Figuriamoci cosa potrà accadere ai prezzi, a luglio, se l’Iva dovesse di nuovo aumentare.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.