Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.397,28
    +133,80 (+0,46%)
     
  • Nasdaq

    11.824,26
    -30,71 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    25.527,37
    -106,93 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1829
    -0,0034 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    15.443,88
    -109,19 (-0,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    360,58
    -0,85 (-0,23%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.558,77
    +1,23 (+0,03%)
     

Auto, anche Volkswagen fa dietrofront su incentivi: non servono più

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 27 ott. (askanews) - Due dei grandi produttori di auto della Germania hanno fatto marcia indietro sulle richieste di sussidi al settore, che avevano presentato solo la scorsa primavera. L'ultimo dietrofront arriva dall'amministratore delegato del gruppo Volkswagen, Herbert Diess: "se non ci sarà un secondo lockdown - ha affermato al Financial Times - direi che non servono altri incentivi agli acquisti". Precedentemente, ricorda il quotidiano, anche Ola Kallenius, numero uno del gruppo Daimler Mercedes aveva assunto una posizione analoga. Il tutto dopo che le misure di sostegno al settore auto adottate in questi mesi dai governi hanno beneficiato soprattutto veicoli elettrici e ibridi, secondo quanto rileva lo stesso Diess (e magari questo spiega in parte il cambio di rotta). Nell'ultima fase, poi, si è assistito a una riprese delle immatricolazioni in Europa e Cina.