Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    87,81
    -4,28 (-4,65%)
     
  • BTC-EUR

    23.750,39
    -684,09 (-2,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,17
    +2,89 (+0,51%)
     
  • Oro

    1.791,00
    -24,50 (-1,35%)
     
  • EUR/USD

    1,0190
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.780,57
    +3,76 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8447
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9639
    -0,0016 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3152
    +0,0050 (+0,38%)
     

Auto elettriche: con batterie a stato solido impatto giù fino a 39%

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 lug. (askanews) - L'impiego delle batterie allo stato solido consente di ridurre drasticamente l'impronta di carbonio degli accumuli utilizzati nei veicoli elettrici con un calo complessivo che potrebbe raggiungere il 39%. Lo rivela uno nuovo studio commissionato da Transport & Environment (T&E) a Minviro, azienda specializzata nell'analisi dei cicli di vita delle materie prime.

A caratterizzare questo tipo di batterie è la presenza al loro interno di elettroliti solidi in sostituzione dei gel liquidi o polimerici utilizzati nelle batterie più comuni attualmente in commercio. Questa particolarità consente di accumulare un ammontare di energia superiore utilizzando una quantità ridotta di materiali, rendendo le batterie più leggere, meno costose e più rapide da caricare. I produttori prevedono l'utilizzo di questi accumuli nei veicoli elettrici già a partire dalla seconda metà del decennio.

Analizzando le prestazioni di una batteria agli ioni di litio allo stato solido modello NMC-811 Minviro ha rilevato una diminuzione dell'impronta di carbonio pari al 24% rispetto ad un accumulatore tradizionale della stessa categoria, una NMC (sigla che identifica il materiale catodico usato e che si affianca ad altre categorie come le LFP) con elettroliti liquidi. Ancora più rilevante il risparmio che si ottiene migliorando la sostenibilità della catena di approvvigionamento delle batterie allo stato solido. Utilizzando materiali a minore impatto, notano ancora i ricercatori, è possibile arrivare a ridurre l'impronta di carbonio del 39%. Tra le strategie disponibili si segnalano i nuovi metodi di estrazione delle materie prime (come ad esempio il recupero del litio dalle acque geotermiche che lo trasportano direttamente dalle profondità della terra fino alla superficie) che hanno un impatto climatico più basso rispetto alle tecniche minerarie tradizionali.

Va ricordato però che batterie allo stato solido potrebbero richiedere fino al 35% di litio in più rispetto all'attuale tecnologia, ma con un impiego molto inferiore di grafite e cobalto. Secondo T&E, la proposta di Regolamento UE sulle batterie che prevede l'approvvigionamento responsabile - in termini di impatto ambientale e sociale - e il riciclo del litio, costituisce una politica "senza rimpianti", capace di garantire una fornitura sufficiente per le batterie allo stato solido. Milano, 19 lug. (askanews) - "Già oggi i veicoli elettrici sono di gran lunga migliori per il pianeta rispetto alla combustione di petrolio e l'impronta di carbonio delle loro batterie è in continua diminuzione - commenta Carlo Tritto, policy officer di T&E Italia - Ma la tecnologia a stato solido rappresenta un punto di svolta, perché la sua maggiore densità energetica si traduce in una minore quantità di materiali, e quindi di emissioni, necessari per produrla".

Alla luce dei risultati dell'indagine, T&E ricorda come l'Europa, anche grazie alla bassa intensità carbonica del suo mix energetico, abbia la possibilità di affermarsi quale leader globale nella produzione di batterie a basso impatto, purché riesca a garantire la sostenibilità della filiera delle materie prime.

Quanto alla discussione tuttora in atto sulla regolamentazione degli accumuli, l'organizzazione chiede ai soggetti coinvolti, ovvero i Governi nazionali e il Parlamento UE, di incentivare la produzione di batterie meno impattanti e di innalzare l'obiettivo sul riciclo del litio portandolo al 70% entro il 2025 e al 90% entro il 2030 (valori superiori a quelli proposti dalla Commissione). I legislatori, inoltre, devono assicurarsi che le aziende del settore tutelino l'ambiente e i diritti umani lungo tutta la catena di approvvigionamento.

"Rendere più pulito il processo di estrazione e lavorazione delle materie prime delle batterie allo stato solido permetterà di ridurre drasticamente la loro impronta climatica - aggiunge Tritto - Il miglioramento dei metodi utilizzati nella catena di approvvigionamento sarà fondamentale. Il Regolamento UE è un'opportunità imperdibile per garantire che ogni batteria prodotta o venduta in Europa utilizzi materie estratte in modo responsabile, abbia una minore impronta di carbonio e sia riciclata alla fine della sua vita".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli