Italia markets close in 4 hours 2 minutes
  • FTSE MIB

    24.344,10
    -458,80 (-1,85%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,38
    -0,54 (-0,83%)
     
  • BTC-EUR

    45.961,77
    -1.649,83 (-3,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.496,23
    -65,07 (-4,17%)
     
  • Oro

    1.841,90
    +4,30 (+0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,2177
    +0,0043 (+0,35%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.935,53
    -98,72 (-2,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8599
    +0,0009 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0972
    +0,0038 (+0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,4725
    +0,0042 (+0,28%)
     

Auto, Moroni: in 4 anni ricariche veloci in 50% rete Autostrade

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 15 apr. (askanews) - "Stiamo per accendere le prime due colonnine da 300 kW con l'obiettivo di coprire il 50% della rete autostradale entro 3/4 anni, con un piano di investimenti di 60 milioni di euro. Contiamo di recuperare molto velocemente il ritardo". Lo ha detto Giorgio Moroni, Ceo di Free2Xperience, la società di Autostrade per l'Italia che si occupa dello sviluppo delle infrastrutture di ricarica fast charge sulla rete autostradale, intervenendo al Webinar "The Future of Automotive Mobility" di Arthur D. Little.

In autostrada "servono ricariche ad alta potenza fino a 400 kW perché si effettuano soste veloci e molti distributori sono già predisposti. Il nostro obiettivo è di permettere di fare Roma-Milano in elettrico con gli stessi tempi di un motore a combustione tradizionale", ha detto Moroni. I punti di ricarica saranno aperti a tutti e il pagamento avverrà anche con carta di credito.

Secondo Moroni però la rete che svilupperà Free2Xperience "non basta. Ci auguriamo che arrivino anche altri progetti e di poter essere attori anche per lo sviluppo di altre reti".

In Italia ci sono circa 20mila colonnine, ma meno del 10% ha una potenza superiore ai 40 kW/h. Secondo il numero uno di Mercedes Italia, Radek Jalinek, per soddisfare la domanda entro il 2030 servirebbero "150mila colonnine".