Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.412,99
    -1.642,60 (-5,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Auto, Promotor: “indispensabile” rinnovare subito incentivi

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 giu. (askanews) - A maggio sono state immatricolate in Italia 142.730 autovetture con un calo del 27,9% su maggio 2019, che è l'ultimo mese di maggio esente da pandemia. Il calo, scrive il centro studi Promotor, sarebbe stato ancora più grave se nei primi mesi del 2021 non fossero stati in vigore incentivi anche per l'acquisto di auto ad alimentazione tradizionale con emissioni di CO2 contenute che sono però terminati lo scorso 8 aprile. A partire da metà giugno, terminata la coda degli incentivi, la situazione del mercato dell'auto, secondo Promotor, peggiorerà in modo evidente.

L'ipotesi di rifinanziare con 400 milioni gli incentivi per auto con emissioni tra 61 e 135 gr/km con il Decreto Sostegni-bis è saltata e i fondi disponibili per gli emendamenti sono solo 800 milioni.

"Occorre - sostiene Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor - che il Governo reperisca fondi adeguati per rifinanziare nel più breve termine possibile gli incentivi alle auto con emissioni di CO2 contenute tra 61 e 135 gr/km. Tra l'altro, lo stanziamento di 400 milioni di cui si era parlato, sarebbe più che interamente recuperato con il gettito Iva delle auto vendute in più grazie agli incentivi e a ciò si aggiunge la certezza che senza incentivi il mercato dell'auto nei prossimi mesi potrebbe collassare con tutto quello che ne deriverebbe anche in termini di crescita del prodotto interno lordo".