Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.423,83
    +255,07 (+0,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Auto: sempre più dati e servizi, mercato da 1,000 mld usd al 2025

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 feb. (askanews) - La diffusione della smart mobility e la crescita esponenziale dei dati generati dalle auto aprono nuovi orizzonti di business e certificano il rapporto sempre più stretto fra computer e auto, la cui produzione globale oggi è in crisi per mancanza di chip. Nel 2019 il valore dei servizi alla mobilità ammontava a 3,1 miliardi di dollari e si stima che possa arrivare a 9,8 miliardi entro il 2025, mentre il complesso dei servizi legati ai veicoli connessi ammontava a 400 miliardi di dollari nel 2018 e si stima che entro il 2025 possa raggiungere i mille miliardi di dollari. L'aumento è legato alla diffusione di veicoli di nuova generazione: tra il 2019 e il 2030 il numero di auto a guida autonoma (livello 3 o superiore) venduti annualmente nel mondo passerà da poco più di 50.000 a oltre 18 milioni e la generazione di dati per veicolo passerà dagli attuali 25 GB per ogni ora di utilizzo a 3,600 GB.

Per affrontare il tema delicato della gestione e dell'utilizzo di questa enorme mole di dati e più generale dello sviluppo di una "via italiana" verso la mobilità connessa, Octo Telematics, società italiana leader nel settore della smart mobility che gestisce i dati delle black box installate sulle auto italiane, e The European House - Ambrosetti hanno dato vita a un'alleanza strategica che si svilupperà in un primo forum in programma il prossimo 17 settembre.

"La partnership si propone di offrire un contributo di studio, di sensibilizzazione e di proposta concreta sia alle aziende protagoniste del settore, sia soprattutto all'intero sistema paese. La nostra ambizione è quella di contribuire alla creazione di una "via italiana" alla mobilità connessa che funga da apripista anche a livello globale, vista la presenza del nostro gruppo all'estero", ha affermato Nicola Veratelli, Ceo di Octo Group.

L'Italia rappresenta il mercato più importante d'Europa per i servizi telematici legati alle assicurazioni, sia in termini di penetrazione che di numero di unità installate a bordo dei veicoli. Si stima che nel nostro paese ci siano quasi 10 milioni di polizze basate su servizi telematici, il 24% del totale (dati 2019) e la crescita continuerà nei prossimi anni fino ad arrivare a oltre 25 milioni di unità con un tasso di penetrazione del 55,3% nel 2024. L'Italia inoltre è il secondo paese in Europa per i servizi di car sharing, dopo la Germania, con un mercato che dovrebbe passare dai 15mila veicoli per un giro d'affari di 432 milioni di dollari registrati nel 2020 a 44mila veicoli e 878 milioni di dollari nel 2025.

"Questa iniziativa vuole posizionarsi come il punto di riferimento in Italia sui temi della mobilità connessa anche alla luce dei profondi mutamenti conseguenti alla crisi Covid-19, per certi versi vista come un acceleratore di dinamiche già avviate", ha dichiarato Valerio De Molli, Managing Partner e Ceo di The European House - Ambrosetti.