Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    39.677,58
    -1.307,31 (-3,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Autostrade, Cancelleri: "Benetton fuori o revoca"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

“È chiaro che c’è una forte criticità tra i partiti di governo, questo è il tema dove forse siamo più distanti e sul quale dobbiamo trovare una quadra”. Lo dice Giancarlo Cancelleri, viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in merito alle concessioni autostradali ad Aspi, nel corso della trasmissione in Viva voce su Radio 1. Per Cancelleri le possibilità sono due: "O i Benetton devono andare fuori da Aspi oppure la revoca delle concessioni, una delle due soluzioni è imprescindibile”.

“I Benetton hanno utilizzato un bene dello Stato e dei cittadini intascando profitti e dimenticandosi invece non solo di fare i controlli di sicurezza, che venivano taroccati, ma soprattutto di andare a fare poi gli interventi di manutenzione per mettere in sicurezza la strada. In una parola non hanno garantito non solo i beni dello stato ma anche la sicurezza dei cittadini”, ha detto ancora il viceministro, aggiungendo: "Il Pd ed Italia viva smettessero di frenare: a noi basta che i Benetton escano dalla concessione, la riduzione dei pedaggi e la delegificazione della concessione stessa. Smettiamola di dare concessioni per legge, utilizziamo un decreto da parte del ministero in modo che possano essere revocate”.