Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.444,11
    -891,46 (-3,15%)
     
  • Nasdaq

    11.269,27
    -279,01 (-2,42%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1825
    -0,0044 (-0,37%)
     
  • BTC-EUR

    10.912,89
    -186,19 (-1,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    257,16
    -6,26 (-2,38%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.374,86
    -90,53 (-2,61%)
     

Autostrade, Rixi: "Revoca? Governo minaccia da 2 anni con pistola ad acqua"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"La storia della revoca sembra una barzelletta. Sono due anni che il governo minaccia con una pistola ad acqua". Ad affermarlo all'Adnkronos è l'esponente della Lega ed ex viceministro alle Infrastrutture e ai trasporti, Edoardo Rixi commentando il dossier Aspi. "Dal governo hanno fatto un casino tale che adesso la situazione è imbarazzante - attacca Rixi - Io la trattativa l'avrei gestita in modo diverso. Mi auguro per lo meno che diano via le grandi opere, altrimenti sarà il disastro".

"Hanno bloccato da un anno tutte le opere del concessionario e ora abbiamo una situazione drammatica su sovrappassi autostradali. Era chiaro sarebbe finita così", continua l'ex viceministro.

E sugli investimenti Rixi chiosa: "È assurdo che abbiano bloccato gli investimenti a livello organizzativo. Gli investimenti andavano pretesi, invece non vorrei che al governo qualcuno voglia regalare i soldi ai Benetton".