Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.403,23
    -97,45 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    11.520,86
    -86,76 (-0,75%)
     
  • Nikkei 225

    26.871,27
    +379,30 (+1,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0583
    +0,0025 (+0,23%)
     
  • BTC-EUR

    19.673,60
    -515,94 (-2,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    454,02
    -7,77 (-1,68%)
     
  • HANG SENG

    22.229,52
    +510,46 (+2,35%)
     
  • S&P 500

    3.896,12
    -15,62 (-0,40%)
     

Azienda slovacca paga gas russo in euro, apre conto in rubli

Un modellino di un gasdotto di fronte alle bandiere di Russia e Unione europea

(Reuters) - L'importatore statale slovacco di gas Spp ha comunicato di aver effettuato un pagamento per una fornitura di gas naturale russo in euro e di aver anche aperto un conto in rubli con Gazprombank, accettando di fatto lo schema di pagamento richiesto da Mosca.

Questa settimana la Commissione europea ha detto agli Stati membri che possono continuare ad acquistare il gas russo senza violare le sanzioni imposte alla Russia per l'invasione dell'Ucraina.

I pagamenti per il gas russo sono diventati un problema da quando Mosca ha chiesto agli acquirenti stranieri di iniziare a pagare in rubli e ha tagliato le forniture a Polonia e Bulgaria che si sono rifiutate di farlo. Domani è atteso il taglio delle forniture alla Finlandia, ha detto la finlandese Gasum.

"Abbiamo pagato in euro il nostro obbligo nei confronti di Gazprom", ha dichiarato il Ceo Richard Prokypcak in un'intervista alla televisione pubblica slovacca Rtvs, secondo cui il pagamento è stato effettuato il 17 maggio, rispettando la scadenza del 20 maggio.

"È in euro anche perché la fattura stessa è stata emessa in euro da Gazprom. In seguito, il denaro è stato inviato a un conto di Gazprom e ho la conferma che il pagamento è stato ricevuto", ha detto Prokypcak.

"È in corso la conversione monetaria che si concluderà con la consegna di rubli a Gazprom, dopo di che le forniture di gas naturale continueranno", ha aggiunto.

La Commissione europea ha sconsigliato alle aziende di aprire conti bancari in rubli presso Gazprombank, come richiesto dal Cremlino, ma non ha esplicitamente detto che farlo comporterebbe una violazione delle sanzioni nelle proprie indicazioni formali scritte.

"La conversione in valuta estera è fuori dal controllo di Spp, per noi il momento importante per il rispetto del nostro impegno è il pagamento in euro", ha dichiarato Prokypcak.

Un portavoce di Spp ha poi chiarito a Reuters che la società ha pagato in euro, ma il pagamento è stato convertito nel suo conto in rubli prima di essere indirizzato verso Gazprom.

"(Un conto in rubli) è necessario perché Gazprom non accetterà pagamenti in euro, quindi da un (conto) all'altro dei nostri, gli euro devono essere convertiti in rubli, che è come avere la botte piena e la mogli ubriaca; noi diciamo che abbiamo pagato in euro e i russi diranno che abbiamo pagato in rubli", ha detto il portavoce Ondrej Sebesta.

Alla domanda se Spp stesse utilizzando lo schema di pagamento richiesto dalla Russia, ha risposto: "Sì, come tutti gli altri".

Gazprom non ha al momento risposto a una richiesta di commento.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha detto ieri che la metà dei 54 clienti del produttore di gas russo Gazprom ha aperto conti presso Gazprombank.

Spp è il principale importatore di gas slovacco e lo scorso anno ha fornito ai clienti 36 TWh, pari a circa il 60% del mercato nazionale. La maggior parte delle forniture di gas proviene dalla Russia.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing XXX)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli