Italia markets open in 7 hours 50 minutes
  • Dow Jones

    33.912,44
    +151,39 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.128,05
    +80,87 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • EUR/USD

    1,0165
    -0,0093 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    23.497,66
    -588,79 (-2,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,41
    -19,35 (-3,28%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • S&P 500

    4.297,14
    +16,99 (+0,40%)
     

Aziende, EY: per m&a forte crescita investimenti in Italia in 2021

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 gen. (askanews) - Fusioni e acquisizioni in forte crescita in Italia. Nel corso dell'anno 2021 si sono registrati 705 deals con target in Italia (+27,3% rispetto al 2020) con un volume complessivamente investito in Italia superiore a € 85,5 miliardi (oltre il doppio di quanto investito nel 2020). Il volume di investimento è stato trainato da diverse operazioni di grande dimensione (con ben 18 operazioni rispetto alle 10 del 2020) che hanno totalizzato un valore aggregato eccedente i €60 miliardi. Anche nel cosiddetto 'Mid Market' il dato è stato positivo, con un totale investito pari a circa € 24,6 miliardi (+55,4% rispetto al 2020). E' quanto emerge dallo ricerca EY "M&A in Italia - Review 2021 e Preview 2022", che analizza l'andamento dell'M&A in Italia nel corso del 2021 e si chiude con un approfondimento dei principali trend attesi nel 2022 per ciascun settore strategico (infrastrutture e costruzioni, energy, TMT, life science, macchinari industriali, automotive e retail & consumer).

L'elevata attività transazionale - si legge in una sintesi del rapporto - è stata una delle risposte alla trasformazione dei modelli di business e delle operations delle aziende, accelerata dalla pandemia legata al Covid-19, che ha innescato processi di riorganizzazione supportati anche da acquisizioni per dotarsi di nuove competenze, tecnologie, catene di produzione e mercati di sbocco; una rinnovata attenzione ai temi della sostenibilità, nel senso ampio del termine, ha contribuito a spingere ulteriormente la dinamica transazionale, specie per efficientare l'impatto dai cicli di produzione e per allargare la gamma di prodotti per soddisfare le nuove esigenze dei consumatori.

Tra i settori più performanti per numero di operazioni, il settore industriale e chimico (195), il consumer (132) e quello technology (88); passando all'analisi per valore delle operazioni, guida la classifica il settore infrastrutture e costruzioni (€ 22.312 mln) e seguono quello delle telecomunicazioni (€ 11.897 mln) ed energetico (€ 10.583 mln).

Il Private Equity ha visto incrementare significativamente il proprio ruolo: i fondi hanno concluso circa 166 operazioni di buy-out su target italiane per un valore aggregato di circa € 21 miliardi (rispetto a 120 operazioni nel 2020 per € 8,3 miliardi). Si tratta del dato relativo all'attività dei fondi in Italia maggiore di sempre sia a valore sia a volume. In termini di numero di operazioni, hanno realizzato circa il 23,5% delle transazioni.

Diversi elementi suggeriscono che il mercato M&A nel corso del 2022 possa esprimere andamenti positivi. Sussistono, ad ogni modo, degli elementi di incertezza (andamento della pandemia e andamento inflattivo). Molte grandi operazioni sono attese nel 2022 nei settori delle telecomunicazioni, life science ed energia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli