Italia markets close in 7 hours 14 minutes
  • FTSE MIB

    26.546,10
    -73,15 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    34.168,09
    -129,61 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.542,12
    +2,82 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    26.170,30
    -841,03 (-3,11%)
     
  • Petrolio

    87,01
    -0,34 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    32.526,15
    -1.362,21 (-4,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    830,26
    -25,55 (-2,99%)
     
  • Oro

    1.814,30
    -15,40 (-0,84%)
     
  • EUR/USD

    1,1201
    -0,0044 (-0,39%)
     
  • S&P 500

    4.349,93
    -6,52 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    23.807,00
    -482,90 (-1,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.124,42
    -40,18 (-0,96%)
     
  • EUR/GBP

    0,8342
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4201
    -0,0032 (-0,23%)
     

Azionario al tappeto post Fed: Dow Jones -400 punti, Nasdaq -3,3%, borsa Tokyo fa quasi -3%

·2 minuto per la lettura

Effetto tonfo Wall Street sull'azionario globale. In Asia, l'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo è crollato del 2,88% a 28.487,87 punti dopo il sell off che si è abbattutto sulla borsa Usa, a seguito della pubblicazione delle minute della Fed. Il Dow Jones, in particolare, ha chiuso in rosso per la prima volta dall'inizio del 2022, arretrando di quasi 400 punti (-392,54 punti), o dell'1,07%, a 36.407,11 punti, dopo aver segnato un nuovo record intraday all'inizio della sessione; lo S&P 500 è arretrato dell' 1,94% a 4.700,58 punti, mentre il Nasdaq ha sofferto la perdita giornaliera più forte in quasi un anno, ovvero dal febbraio del 2021, scivolando del del 3,34% a 15.100,17. Anche la borsa di Sidney è capitolata, cedendo il 2,74%; la borsa di Shanghai limita i danni con una flessione dello 0,25%, così non crolla la borsa di Hong Kong (-0,15%). La borsa di Seoul ha ceduto più dell'1%. Il sell off sulla borsa Usa è stato scatenato dalla pubblicazione delle minute relative all'ultima riunione del Fomc, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, del mese di dicembre. Dai verbali è emersa l'intenzione della Fed di alzare i tassi sui fed funds in anticipo o più velocemente e, anche, di ridurre il proprio bilancio. "I partecipanti hanno in generale rilevato che, considerate le loro proiezioni individuali sull'economia, il mercato del lavoro, e l'inflazione, potrebbe essere giustificato aumentare i tassi in anticipo o a un ritmo più veloce di quanto i partecipanti stessi avevano anticipato in precedenza - si legge nei verbali della Fed guidata da Jerome Powell -Alcuni partecipanti hanno fatto notare anche che potrebbe essere appropriato iniziare a ridurre le dimensioni del bilancio della Federal Reserve relativamente presto, dopo aver iniziaro ad alzare i tassi sui fed funds".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli