Italia Markets open in 45 mins

Azionario Asia contrastato, Alibaba balza ancora nel post Ipo. Da Cina emissione bond record

Laura Naka Antonelli

L'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo ha chiuso la sessione in rialzo dello 0,28% a 23.437,77 punti. Negativa la borsa di Shanghai, con un calo dello 0,18%; piatta Hong Kong con -0,06%, Sidney balza con +0,93%, Seoul +0,33%.

Occhio al dato cinese relativo ai profitti industriali che, nel mese di ottobre, hanno sofferto un tonfo del 9,9% su base annua, soffrendo il calo più forte dal 2011. Si tratta del terzo ribasso consecutivo su base mensile, successivo alla flessione di settembre, pari a -5,3%. La Cina si mette in evidenza anche per aver lanciato il più grande collocamento di titoli di stato sui mercati internazionali, emettendo debito sovrano con scadenza a 3, 5, 10 e 20 anni e raccogliendo l'equivalente di $6 miliardi, il doppio circa del target iniziale. Gli ordinativi aventi oggetto i bond cinesi avevano superato quota $20 miliardi all'inizio del collocamento.

A Hong Kong continua a salire il titolo del colosso cinese dell'e-commerce Alibaba, sbarcato sull'Hang Seng nella giornata di ieri, con quella che è stata la sua seconda Ipo da quella del 2014 di New York. Il titolo sale anche oggi, mettendo a segno un rialzo del 3% circa.

Sul fronte della guerra commerciale Usa-Cina, è stato lo stesso presidente americano Donald Trump a dire che le trattative per raggiungere un accordo sulla "Phase 1" si trovano nella fase finale.