Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.450,53
    -1.636,57 (-5,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Azionario Asia debole, borsa Tokyo -0,33%. A Hong Kong bene Xiaomi dopo bilancio I trimestre

·1 minuto per la lettura

Azionario asiatico contrastato, con l'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo in calo dello 0,33%; la borsa di Shanghai è positiva con un rialzo dello 0,31%, Hong Kong è in flessione dello 0,20%, Seoul piatta con +0,04%, mentre Sidney avanza dello 0,25%. Alla borsa di Hong Kong spicca il rialzo di Xiaomi, che balza del 2% dopo che la società cinese produttrice di smartphone ha annunciato di aver riportato nel primo trimestre un balzo di quasi il 55% su base annua del fatturato. Dal fronte macroeconomico, diffuso il dato relativo ai profitti delle imprese industriali cinesi che, nel mese di aprile, sono volati del 57% su base annua, dopo il +92,3% di marzo. Nel periodo compreso tra gennaio e aprile, gli utili delle aziende sono balzati del 106%, a 2,59 trilioni di yuan, a causa del 'base effects', ovvero del trend negativo dello stesso periodo del 2020, quando la Cina faceva i conti con gli effetti economici della pandemia Covid-19. Tra le altre notizie di rilievo, la banca centrale della Corea del Sud ha lasciato i tassi principali di riferimento invariati allo 0,50%, minimo storico, rivedendo al rialzo le stime sulla crescita del Pil e dell'inflazione del paese. Per il 2021 la banca centrale prevede una crescita del prodotto interno lordo del 4%, rispetto al +3% atteso in precedenza, a fronte di un'inflazione in rialzo dell'1,8% (contro il +1,3% stimato in precedenza)