Italia Markets close in 5 hrs 4 mins

Azioni asiatiche miste; l’attenzione degli investitori rimane sulla correzione del punto medio dello yuan cinesi

James Hyerczyk

Venerdì, i principali indici azionari dell’area Asia-Pacifico sono negoziati misti con perdite in Cina e Hong Kong. Le condizioni di mercato sono molto più calme rispetto all’inizio della settimana, il che suggerisce che i gestori di denaro potrebbero aver valutato i prezzi nella maggior parte degli eventi negativi con coperture in beni rifugio come il Tesoro, Yen giapponese e oro. Ciononostante, sussistono ancora maggiori preoccupazioni per le relazioni commerciali USA-Cina e il loro impatto sul rallentamento dell’economia globale. La maggior parte dell’attenzione per i trader rimane sulla correzione dello yuan in Cina e il livello psicologico dei 7 yuan.

Alle 07:24 GMT, l’indice giapponese Nikkei 225 era negoziato a 20684,82, in rialzo del 91,47 o + 0,44%. L’indice KOSPI della Corea del Sud era a 1937,75, in rialzo del 17,14 o + 0,89% e l’indice Hang Seng di Hong Kong era negoziato a 26037,26, in ribasso dell’83,51 o -0,32%.

In Cina, l’indice Shanghai era negoziato a 2774,75, in ribasso del 19,80 o -0,71% e l’indice S&P / ASX 200 dell’Australia era a 6584,40, in rialzo delle 16,30 o + 0,25%.

Correzione del punto medio dello Yuan cinese

Venerdì, la Banca Popolare Cinese ha fissato il suo punto medio per lo yuan a 7,0136 contro il dollaro – la seconda volta questa settimana il benchmark è stato impostato al di sotto del 7. Lo yuan onshore era negoziato a 7,0506 contro il biglietto verde e lo yuan offshore si è mosso a 7,0770 per dollaro.

Il PBOC consente alla valuta locale di fluttuare rispetto al biglietto verde con una gamma ristretta del 2% dal punto medio di ogni giorno. Con 7.0136 il punto medio, l’intervallo è compreso tra 7,1539 e 6,8733.

L’inflazione al consumo in Cina è in rialzo

L’indice dei prezzi al consumo della Cina a luglio è aumentato del 2,8% su base annua – il suo anno migliore da febbraio 2018, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica. Gli esperti hanno affermato che un balzo del 9,1% nei prezzi degli alimenti è stato alla base della mossa, in particolare l’aumento dei prezzi della carne suina.

Il PIL del Giappone batte le previsioni

L’economia giapponese si è espansa per un terzo trimestre consecutivo tra aprile e giugno, crescendo a un tasso annualizzato dell’1,8% per il periodo, secondo i dati governativi di venerdì. Gli economisti si aspettavano un guadagno dello 0,4%. Anche le spese in conto capitale sono aumentate dell’1,5% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi privati sono cresciuti dello 0,6%.
Il capo della RBA afferma che i tagli ai tassi sono ancora sul tavolo

Il governatore della Reserve Bank of Australia (RBA), Philip, ha affermato che l’economia australiana potrebbe aver raggiunto una “svolta delicata”, guidata da un tentativo di rialzo dei prezzi delle case, riduzioni fiscali e un dollaro australiano più debole. Anche se ha anche affermato che erano ancora possibili ulteriori riduzioni dei tassi di interesse.

Tuttavia, la dichiarazione trimestrale di politica monetaria della RBA, pubblicata venerdì, è stata meno ottimista con politici che citano l’inflazione ridotta e un aumento della disoccupazione.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: