I mercati italiani chiudono fra 5 ore 10 min

Azioni europee pronte per un acquisto già ad agosto

Dominosolutions.it
 

È giunto il momento di concentrarsi sulle aree più difensive del mercato che hanno storicamente eseguito bene durante questo periodo dell’anno. Tuttavia, i rischi per gli investitori sono in aumento con i sentiment economici in chiaro scuro e le attese ogni giorni sui tassi di interesse e i QE. L’investitore dovrebbe posizionarsi su titoli azionari con una liquidità non altissima, società che hanno rilasciato già le trimestrali, e sono state positive, buoni dividendi nel caso, e settori in crescita.

Da agosto a settembre storicamente sono i peggiori due mesi dell’anno per i titoli. Dal 1980 lo S&P500 è sceso in media dello 0,1% e dello 0,7% in questo periodo, i soli due mesi dell’anno che mostrano un ritorno negativo in media. Gli investitori sono mal preparati per qualsiasi tipo di downturn. Secondo l’ultimo sondaggio AAII sui singoli investitori, le persone stanno mantenendo le loro posizioni in fondi dal 2000 in un momento in cui i titoli si avvicinano ai livelli storici di sovravalorizzazione, eclissando ogni singolo guadagno avvenuto negli ultimi 8 anni, i migliori dal 1929.

Ma se uno è determinato a guardare oltre tutto questo, ed investire sul medio/lungo periodo in società solide, il nostro consiglio è quello di concentrarsi sulle aree più difensive del mercato che hanno storicamente eseguito bene durante questo periodo dell’anno. Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito vorremmo segnalarne tre che attualmente sono nei nostri portafogli, stanno guadagnando ma potrebbero rendere molto di più.

Allianz (Swiss: ALV-EUR.SW - notizie) (DE)

Allianz SE (Londra: 0M6S.L - notizie) è una società di servizi finanziari europea con sede a Monaco di Baviera, in Germania. È la prima Compagnia al mondo nel settore delle assicurazioni, prima della francese AXA (Parigi: FR0000120628 - notizie) , e dell’italiana Assicurazioni Generali. Allianz SE è presente in Italia dal 1º ottobre 2007 con la denominazione di Allianz S.p.A. In questa società sono state conglobate, trasformandole in divisioni commerciali, le preesistenti compagnie Allianz Subalpina, Lloyd Adriatico, e RAS.

Come conseguenza della fusione dal 1º ottobre 2007: il marchio Lloyd Adriatico si è trasformato in Allianz Lloyd Adriatico; il marchio RAS si è trasformato in Allianz RAS; è rimasto immutato il marchio Allianz Subalpina; RasBank, la Banca del Gruppo Ras che si avvale dei Promotori Finanziari (Financial Advisors), ha cambiato denominazione divenendo Allianz Bank Financial Advisors.

Allianz SE ha attualmente un dividendo decente di 7,60 euro per l’esercizio 2016, con un calo del 4,8%. Dal 2008 la società sta cercando di mantenere il rendimento del dividendo tra il 4-5%. L’azienda è anche al centro di un programma di acquisto di azioni di 3 miliardi di euro. La domanda è: la posizione in contanti della società sarà adeguata e per quanto tempo sarà in grado di mantenere la crescita del dividendo al fine di tenere il passo con il crescente prezzo azionario?

Poiché Allianz è una società di assicurazioni tedesca, il che significa che deve rispettare la Solvency II, una direttiva del diritto dell’Unione europea. La Solvency II richiede ad Allianz di mantenere una capitalizzazione minima nel caso il prezzo azionario dovesse scendere troppo. Per Allianz questo rapporto è stato intorno al 218% nel 2016. Storicamente l’azienda è sempre rimasta nei margini più che adeguatamente. Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) 2015 il rapporto si è attestato al 200%, ma ora è aumentato ulteriormente a causa di un aumento del patrimonio netto di 4,2 miliardi di euro. Per quanto riguarda la solvibilità, l’azienda ha un rapporto di copertura di interesse di circa 10 volte, che è molto buono. Nel frattempo, il rapporto di leva finanziaria di Allianz sta diminuendo costantemente dal 2012. L’attuale rapporto di leva è a circa 13,22, che è ancora alto, ma gestibile. La rete di sicurezza integrata del rapporto di Solvency II rende il risultato dell’azienda più elevato rispetto al rapporto di solvibilità e liquidità, ma dobbiamo ancora tenere un occhio critico sui finanziamenti della società.

Atos (Parigi: FR0000051732 - notizie) (ATO)

Atos SE (Londra: 0DNH.L - notizie) è una società europea che si occupa di servizi IT, con sede in Bezons, Francia e a Monaco di Baviera, in Germania. Atos è leader europea nei servizi digitali con un fatturato annuo pro forma 2014 di circa 11 miliardi di euro e 93.000 dipendenti che operano in 72 Paesi. Con clienti a livello globale, il Gruppo fornisce servizi di Consulting & System Integration, Managed Services & BPO, Cloud Operations, Big Data & Security Solutions e Transactional Services attraverso Worldline, leader europeo nel settore dei pagamenti e servizi transazionali. Il gruppo è il Worldwide Information Technology Partner dei Giochi olimpici e Paralimpici ed è quotato al mercato Euronext (Euronext: ENX.LS - notizie) di Parigi.

Risultati primo semestre 2017, i ricavi sono stati pari a 6.311 milioni, + 11,6% a cambi costanti e +2,2% in modo organico. Il Gruppo ha raggiunto + 2,4% la crescita organica nel secondo trimestre del 2017, rafforzando la tendenza positiva già effettuata nel primo trimestre. Tutte le divisioni hanno contribuito alla crescita organica dei ricavi grazie ad un forte impulso commerciale e alla strategia di investimento nell’innovazione e nella tecnologia. Il margine operativo ammonta a 538 milioni di euro, pari all’8,5% del fatturato, migliorando di +190 punti base alimentati da Infrastructure & Data Management (+240 basis point), Business & Platform Solutions (+120 punti base) e Worldline (+240 punti).

Amplifon (MDD: 2552588.MDD - notizie) (AMP)

Amplifon S.p.A. è un’azienda italiana che si occupa della diagnosi, applicazione e commercializzazione di soluzioni uditive. Fondata a Milano nel 1950 da Algernon Charles Holland, dal 2001 è quotata negli indici FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia STAR della Borsa di Milano. Il gruppo detiene una quota di mercato del 9,0% a livello mondiale ed è presente in 22 paesi (Italia, Francia, Paesi Bassi, Germania, Spagna, Portogallo, Svizzera, Belgio, Lussemburgo, Ungheria, Turchia, Polonia, Regno Unito, Irlanda, Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda, India, Egitto and in Brazil). Amplifon (Londra: 0N61.L - notizie) opera attraverso una rete di circa 3.250 punti vendita, 2.400 centri di assistenza e più di 1.600 negozi affiliati al network, impiegando complessivamente oltre 10.000 persone.

Nel primo semestre del 2017 Amplifon ha realizzato un giro d’affari di 623,78 milioni di euro, in aumento del 14,6% rispetto ai 544,21 milioni ottenuti nello stesso periodo dello scorso anno. A cambi costanti il fatturato sarebbe salito del 13,4%. In aumento anche il margine operativo lordo, che è passato da 85,49 milioni a 100,86 milioni di euro (+17,5%); di conseguenza, la marginalità è salita dal 16,2% al 16,6%. L’utile netto è stato pari a 38,06 milioni di euro, dai 29,63 milioni ottenuti nei primi sei mesi del 2016. Nel solo secondo trimestre il fatturato di Amplifon è salito da 289,69 milioni a 327,68 milioni di euro, mentre il risultato finale è stato positivo per 25,27 milioni. A fine giugno l’indebitamento netto era salito a 300,54 milioni di euro, rispetto ai 224,42 milioni di inizio anno. Nei primi sei mesi del 2017 le attività operative di Amplifon hanno generato un flusso di cassa di 32,53 milioni di euro, dopo aver sostenuto investimenti operativi per 28,76 milioni.

Autore: Dominosolutions.it Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online