Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.168,09
    -129,64 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.542,12
    +2,82 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1246
    -0,0060 (-0,53%)
     
  • BTC-EUR

    32.982,26
    -94,76 (-0,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    849,97
    -5,84 (-0,68%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    4.349,83
    -6,62 (-0,15%)
     

Azioni, scenario positivo nel 2022 ma valutare alternative

·3 minuto per la lettura

Le azioni restano le preferite dei grandi gruppi di investimento come BlackRock ed Ethenea, con quest’ultima che consiglia di investire poco su obbligazioni ed oro.

Tuttavia non vengono nascoste le criticità, e la prima è la risposta delle banche centrali all’aumento dell’inflazione e la loro conseguente risposta per portarla a livelli non eccessivi.

Di ieri la notizia trapelata, che negli Stati Uniti la Fed aumenterà già in marzo i tassi di interesse. Non lo farà di molto secondo BlackRock, i tassi di interesse a fine anno resteranno comunque bassi rispetto al pre-pandemia secondo la loro visione. Ma la risposta dei mercati non si è fatta certo attendere, con il Nasdaq che ha perso il -3,3% e il Dow Jones il -1,07%. Anche in Asia sono partite le vendite, come a Tokyo dove il Nikkei ha perso il -2,88%.

Il nervosismo prevarrà sulle borse in concomitanza con gli annunci da parte delle banche centrali dei cambi alla politica monetaria. Questo non avverrà solo negli USA, avverte BlackRock, ma anche nell’Unione Europea con le decisioni della Banca Centrale Europea (BCE), e altrove.

Ci troviamo in un tempo in cui le banche centrali influiranno molto sui mercati.

Azioni con rendimenti superiori alle altre classi di attivo

Al netto della volatilità che si presenterà sui mercati borsisitici, affermano Ethenea e BlackRock, i rendimenti sulle azioni resteranno superiori rispetto alle altre classi di attivo. Cioè sopra i rendimenti che offriranno le obbligazioni e l’oro.

Tuttavia, per tutto il 2022 sarà importante restare vigili e adottare un atteggiamento flessibile nei confronti delle situazioni che si verranno a creare. Questo perché non c’è da attendersi l’enorme crescita vista nella seconda metà del 2020 e in tutto il 2021. Crescita dovuta anche all’enorme afflusso di denaro pompato dalle banche centrali, che le aveva “drogate” un po’.

Azioni vincitrici e perdenti

Nel 2022 vedremo molti più titoli azionari perdere rispetto al 2021, ma ovviamente ci saranno anche dei vincitori. Soltanto che questi ultimi saranno da scovare tra quei titoli azionari che non sono particolarmente intaccati dall’aumento dell’inflazione.

Tali titoli sono quelli legati ad aziende che “fanno” il prezzo dei propri prodotti, che solitamente possono permettersi di tenere alti i prezzi dei propri prodotti e che quindi hanno margine.

Cosa guardare nel breve termine

La Federal Reserve detterà molto i ritmi delle borse americane nel corso del 2022 e di riflesso anche delle altre borse mondiali molto legate all’economia statunitense.

Il 12 gennaio saranno pubblicati i dati sull’occupazione statunitense riferiti al mese di dicembre. I dati saranno utilizzati dal board della Fed per prendere le decisioni sui rialzi dei tassi nel corso del 2022.

I rischi

Un atteggiamento troppo aggressivo da parte di tutte le banche centrali, potrebbe dare avvio a una fase di stagflazione che potrebbe creare non pochi problemi a chi detiene azioni e anche a chi detiene obbligazioni.

Per conoscere tutti gli eventi economici del giorno e della settimana in Italia e all’estero, leggi il nostro Calendario Economico completo con tutti gli eventi in programma per gli investitori: indicatori economici, inflazione, dati sulla produzione, occupazione e disoccupazione.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli