Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.785,29
    +837,05 (+2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.792,30
    -2,70 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1152
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4232
    +0,0044 (+0,31%)
     

Azioni Small Cap USA da comprare nel 2022: ecco quali

·3 minuto per la lettura

Le azioni small cap USA nel 2021 non si sono comportate esattamente come quelle a grande capitalizzazione di mercato, ci si aspettava da loro una ripresa più robusta proprio come hanno fatto le seconde e invece così non è stato.

Per comprendere il divario tra le azioni small cap statunitensi e quelle a maggiore capitalizzazione di mercato, basterà mettere a confronto il total return di due indici significativi.

L’indice S&P 500, che rappresenta le 500 maggiori società per market cap negli USA, ha generato un ritorno del 28,7% nel 2021 (apprezzamento più dividendo).

L’indice Russell 2000 che rappresenta le small cap statunitensi, ha ottenuto un total return del 14,8%, spiega Kiplinger. Questo significa che le piccole società quotate in borsa si sono tenute su livelli storici e non li hanno superati come invece hanno fatto i titoli azionari a maggiore capitalizzazione.

Vi è stata quindi una concentrazione delle masse monetarie più sui grandi titoli che sui titoli minori.

Le small cap hanno probabilmente risentito di tutti i fattori negativi che hanno tenuto banco negli ultimi due anni: pandemia, inflazione, catena di approvvigionamento, aumento dei tassi di interesse.

Cosa accadrà alle azioni small cap USA nel corso del 2022? Secondo gli analisti potrebbero sovraperformare, proprio perché sono state meno considerate dagli investitori i quali si sono concentrati sui titoli più grandi.

Ma in questo anno di volatilità e take profit, è possibile che gli investitori possano reinvestire proprio nelle piccole dove troveranno maggiore margine di crescita.

Secondo la stratega azionaria della Bank of America Corporation (BofA), Jill Carey Hall, le azioni small cap USA potrebbero offrire rendimenti a una cifra per i prossimi 10 anni se aggiunte adesso al portafoglio, come riporta Kiplinger.

Viene anche fatto notare che le small cap hanno prezzi di accesso più abbordabili delle large cap, per questo motivo offrono anche una maggiore possibilità di diversificare i propri fondi.

Ed ecco alcune azioni small cap USA che potrebbero dare buoni risultati nel corso del 2022 ed anche su un orizzonte ben più ampio.

Azioni Small Cap USA da compare nel 2022

Troviamo tra questi titoli alcune che operano nel campo della ricerca medica, come Global Blood Therapeutics (GBT). L’azienda è specializzata nel trattamento di malattie del sangue rare.

Varonis Systems (VRNS) è una società specializzata nella sicurezza dei dati e nell’analisi del software. Il titolo non ha performato bene lo scorso anno.

Proseguendo troviamo Apellis Pharmaceuticals (APLS) altra società specializzata nello sviluppo di farmaci dedicati alle malattie rare.

Restando nel settore della scienza medica, ecco Axsome Therapeutics (AXSM) che produce farmaci per l’Alzheimer e cure per l’emicrania e narcolessia. Il titolo ha perso oltre metà del suo valore nel 2021.

Fate Therapeutics (FATE) sviluppa terapie farmacologiche di tipo immuno-oncologiche. A causa della concentrazione della ricerca e dell’attenzione sulla pandemia, il titolo ha perduto oltre il 50% del suo valore.

Sunnova Energy International (NOVA) ci porta nel campo del fotovoltaico. La società è impegnata in particolare nell’installazione di impianti residenziali. Anche qui lo sconto sul titolo è elevato al momento.

Coursera (COUR) ci catapulta nel mondo dei corsi online. La società si è quotata in Borsa appena a marzo 2021 e non ha ottenuto un grande successo di acquisti perché giunta forse in ritardo rispetto all’hype del 2020. Potrebbe essere premiata sul lungo periodo.

Chiudiamo ritornando nel settore delle terapie mediche, con Karuna Therapeutics (KRTX) che si occupa di terapie farmacologiche per il trattamento della schizofrenia delle psicosi e delle demenze. Il titolo ha mantenuto un andamento positivo nell’ultimo anno, ma non è cresciuto in modo sorprendente.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli