Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.638,92
    +251,06 (+2,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    -0,0035 (-0,23%)
     

Banca Carige: perdita di 97,8 mln nei primi 5 mesi post-amministrazione straordinaria

Redazione Finanza
·1 minuto per la lettura

Il gruppo Banca Carige chiude in perdita i primi cinque mesi post amministrazione straordinaria. I risultati economici relativi ai 5 mesi (febbraio-giugno) ricompresi nell’esercizio 2020 di gestione ordinaria evidenziano una perdita netta di 97,8 milioni di euro. I dati relativi ai 13 mesi precedenti (dal 1° gennaio 2019 al 31 gennaio 2020) sono invece ricompresi nell’esercizio di Amministrazione straordinaria. Il margine operativo lordo è negativo per 12 milioni e deriva da proventi operativi per 148,7 milioni e oneri operativi per 160,6 milioni. Il margine di interesse, pari a 47,9 milioni, incorpora gli effetti delle articolate azioni di derisking che hanno ulteriormente accelerato il downsizing di cui è stato oggetto il Gruppo, con una flessione degli impieghi a clientela, passati ai €12,4 miliardi di fine giugno rispetto ai 15,5 miliardi di giugno 2019. La banca rimarca come nei primi mesi della gestione ordinaria, al riavvio dell’operatività del Gruppo, si sono aggiunte le evidenti criticità derivanti dal contesto pandemico, riverberatesi sull’economia reale e di riflesso sui conti economici di tutto il Sistema bancario, in termini di minori ricavi e maggiori svalutazioni sui crediti.