Italia Markets close in 1 hr 54 mins

Banca Etica lancia i 'cultural bond', obiettivo raccogliere 15 mln

Red
·2 minuti per la lettura

Milano, 22 set. (askanews) - Banca Etica lancia sul mercato i 'cultural bond', un prestito obbligazionario destinato a finanziare imprese culturali. L'obiettivo, viene spiegato, è raccogliere presso i risparmiatori un plafond di 15 milioni di euro con cui la banca potrà espandere il credito alle imprese culturali, duramente colpite dalla crisi innescata dalla pandemia. L'emissione avrà durata di sette anni, con un rendimento annuo dello 0,90%. Il periodo di collocamento va dal 15 settembre, fino al 20 novembre 2020 e il lotto minimo è pari a mille euro. "La proposta - spiega Banca Etica - è rivolta alla clientela con propensione al rischio moderata che cerca un prodotto d'investimento semplice, che generi un flusso di reddito sicuro e costante, e un positivo impatto sociale. La sottoscrizione del prestito obbligazionario è un investimento a medio-lungo termine (7 anni), ma con la possibilità di disinvestimento anticipato" per necessità o imprevisti. "C'è forte bisogno sociale di riaprire in sicurezza spazi di fruizione della cultura, rigenerare la creatività collettiva e individuale e stimolare i nostri sguardi verso l'esterno e gli altri, uscendo dall'isolamento cui la situazione ci obbliga", ha spiegato il direttore generale di Banca Etica, Alessandro Messina. "È necessario innovare i modelli di impresa culturale per reagire alle difficoltà e per sfruttare al meglio l'utilizzo delle nuove tecnologie e della digitalizzazione come opportunità per raggiungere più persone e rendere la cultura più inclusiva". Il manager ha aggiunto che "tra i risparmiatori, anche tra chi ancora non conosce la finanza etica, cresce il desiderio di combinare le scelte di investimento con la consapevolezza che il proprio denaro verrà impiegato per finanziare progetti di utilità sociale e ambientale, come nel caso delle attività delle imprese culturali". Le imprese culturali in Italia sono oltre 400mila e danno lavoro a 1,5 milioni1 di persone. Il Covid-19, è stato sottolineato, ha duramente colpito l'industria culturale, con perdite per tutto il sistema a partire da musei (80 milioni di euro), cinema (120 milioni) e spettacoli musicali (350 milioni). Banca Etica nel 2019 ha erogato 49 milioni di euro di finanziamenti a imprese e organizzazioni attive nel settore culturale. Con i finanziamenti sono stati organizzati in un solo anno oltre 4.000 eventi a cui hanno partecipato 885.000 persone.