Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.887,70
    -92,62 (-0,27%)
     
  • Nasdaq

    12.958,83
    +20,71 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.942,14
    -280,63 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,0090
    -0,0090 (-0,89%)
     
  • BTC-EUR

    23.187,08
    -208,96 (-0,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    558,56
    +0,83 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    19.763,91
    -158,54 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    4.275,52
    +1,48 (+0,03%)
     

Banca Inghilterra alza tassi a 1,75% e prospetta lunga recessione

L'edificio della Banca d'Inghilterra (BoE) a Londra

LONDRA - La Banca d'Inghilterra ha effettuato il maggiore aumento dei tassi d'interesse degli ultimi 27 anni, nonostante i segnali di una lunga recessione in arrivo, nel tentativo di rallentare la crescita dell'inflazione che ora è destinata a superare il 13%.

In seguito a un'impennata dei prezzi dell'energia causata dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, il Comitato di politica monetaria della BoE ha votato 8-1mando per un aumento di mezzo punto percentuale del tasso bancario all'1,75% - il livello più alto dalla fine del 2008 - dall'1,25%.

L'aumento di 50 punti base era stato previsto dalla maggior parte degli economisti in un sondaggio Reuters, mentre le banche centrali di tutto il mondo cercano di contenere l'impennata dei prezzi.

Il membro del Comitato Silvana Tenreyro ha votato a favore di un aumento più contenuto di 25 punti base.

La BoE ha avvertito che il Regno Unito va verso la recessione. L'economia inizierà a contrarsi nell'ultimo trimestre del 2022 e sarà in recessione - la più estesa dopo la crisi finanziaria globale - per tutto il 2023.

La Banca d'Inghilterra ha detto che intende iniziare a vendere circa 10 miliardi di sterline di bond a trimestre da settembre.

(Tradotto da Romolo Tosiani, editing Antonella Cinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli