Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.912,62
    +650,72 (+2,08%)
     
  • Nasdaq

    11.528,42
    +173,81 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0691
    +0,0129 (+1,22%)
     
  • BTC-EUR

    28.139,48
    -97,90 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    676,03
    +1,15 (+0,17%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.975,37
    +74,01 (+1,90%)
     

Banca Mediolanum, Corte Ue conferma divieto Fininvest ad acquisto partecipazione qualificata

MILANO (Reuters) -La Corte di Giustizia dell'Unione europea ha confermato la decisione della Banca centrale europea di negare a Fininvest, la holding di Silvio Berlusconi, l'acquisizione di una partecipazione qualificata in Banca Mediolanum.

Lo si legge in un comunicato dell'alto tribunale, che specifica come Berlusconi non soddisfacesse "il requisito di onorabilità applicabile ai detentori di partecipazioni qualificate a causa della sua condanna nel 2013 per frode fiscale".

"Il ricorso diretto all'annullamento della decisione della BCE è respinto dalla Seconda Sezione ampliata del Tribunale", si legge nella nota.

In risposta alla sentenza, Fininvest ha detto di non condividere "le motivazioni del Tribunale europeo, ritenendole gravemente erronee in fatto e in diritto".

Per tale motivo, la società ha detto di aver già dato mandato ai propri legali di "impugnare la sentenza del Tribunale dinanzi alla Corte di giustizia dell'Unione europea".

Il contenzioso sulla partecipazione era iniziato nel 2014 quando la Banca d'Italia, d'intesa con Ivass, aveva imposto a Fininvest la cessione della quota eccedente il 9,9% di Mediolanum in seguito al recepimento delle norme europee sui conglomerati finanziari e alla perdita dei requisiti di onorabilità dell'ex premier.[urn:newsml:newsroom:20181219:nL8N1YO2U6:0]

Nel dicembre 2018, la Corte con sede a Lussemburgo aveva detto di essere l'unica ad avere la giurisdizione di determinare se la legalità della decisione Bce fosse interessata da qualsiasi difetto degli atti preparatori adottati dalla Banca d'Italia.

(Federico Maccioni, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli