Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    29.934,89
    -326,31 (-1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Banche, crescono impieghi e raccolta aprile, tassi ai minimi - Abi

·1 minuto per la lettura

ROMA (Reuters) - Si conferma in aprile la dinamica positiva degli impieghi e della raccolta delle banche italiane nel raffronto con lo stesso mese del 2020, quando sono entrate in vigore le prime misure di sostegno alla liquidità per imprese e famiglie colpite dalle misure di contenimento della pandemia.

Secondo i dati del rapporto Abi, lo scorso mese i prestiti a imprese e famiglie sono aumentati del 4,2% rispetto a un anno fa. Il dato disaggregato, relativo a marzo, conferma la migliore dinamica degli impieghi alle imprese, cresciuti del 5,7% su base annua, mentre i prestiti alle famiglie sono saliti del 3,2%.

Anche i tassi di interesse praticati dagli istituti restano in aprile su livelli storicamente bassi, con il tasso medio sui prestiti al 2,22% che rappresenta un nuovo minimo. In calo sono sia i tassi per le nuove operazioni di finanziamento alle imprese, a 1,18% (da 1,26% di marzo), sia quelli per le nuove operazioni per l'acquisto di abitazioni all'1,34% (da 1,36% a marzo).

Si conferma poi la dinamica positiva della raccolta nel mese di aprile, grazie a un andamento dei depositi in incremento dell'8,4% su un anno prima che più che compensa il calo della raccolta da obbligazioni, diminuita del 7,4%. Il saldo delle due componenti porta quindi l'incremento complessivo della raccolta di aprile al 6,4% sullo stesso mese dell'anno prima.

Tornano sotto 20 miliardi le sofferenze nette nel mese di marzo, con un rapporto rispetto agli impieghi all'1,15%.

(Stefano Bernabei, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli