I mercati italiani aprono fra 2 ore 19 min

Le banche danno benzina a Piazza Affari: i titoli da seguire

Davide Pantaleo
 

Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l’intervista realizzata a Pietro Origlia con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari.

Nella seduta di ieri il Ftse Mib ha messo a segno la chiusura sui valori più alti da inizio anno. Il movimento ascendente proseguirà nel breve?

Continua a rimanere positivo il trend sui principali mercati azionari internazionali che proseguono il loro cammino ascendente oramai in atto da svariati mesi, nonostante sullo sfondo rimangano sempre presenti i timori legati alle tensioni tra Corea del Nord e Usa.
In questo contesto prosegue la debolezza dei beni rifugio come l'ORO e dal lato opposto si assiste ad un recupero del DOLLARO, grazie alle parole della Yellen che ha confermato un rialzo dei tassi d'interesse entro la fine del 2017.

Per rimanere sul valutario, l'EURO continua la sua correzione nei confronti del biglietto verde, con i prezzi che scendono sotto la soglia degli 1.18. In caso di mancato recupero di questi livelli la moneta unica potrebbe spingersi fin verso la soglia degli 1.17.

Arrivando a dare uno sguardo in casa nostra, prosegue l'ottimo stato di forma del FTSE Mib che, grazie al recupero del settore bancario, ha toccato nella seduta di ieri i massimi degli ultimi 21 mesi, oltre l'area dei 21600 punti.
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) breve le attese sono per una continuazione del movimento ascendente che dovrebbe spingere il mercato in direzione dei massimi dell'autunno 2015 situati nei pressi dei 21.850-21.900 punti.
Al ribasso segnali di debolezza li avremmo solo con il ritorno dei prezzi sotto l'area dei 22mila punti.

Banco BPM e Ubi Banca (Amsterdam: UF8.AS - notizie) ieri hanno chiuso gli scambi con un rally di circa il 4% entrambi. Quali strategie operative ci può fornire per questi due titoli?

Segnali importanti arrivano dal settore finanziario con BANCO BPM che invia un nuovo segnale di forza superando le ostiche resistenze poste in area 3.40 euro.

UBI BANCA dopo essersi confermato oltre i 4.15 euro potrebbe proseguire il suo rialzo in direzione dei 4.60 euro.

Nel settore del lusso come valuta i recenti progressi di Salvatore Ferragamo (Londra: 0P52.L - notizie) e YNap? Consiglierebbe di acquistare questi due titoli sui livelli attuali?

Sembrerebbe essersi arrestato il trend discendente di SALVATORE FERRAGAMO che dopo aver superato i 23.20 euro dovrebbe proseguire in direzione delle prossime resistenze in area 24.80-25 euro.

Al contrario le indiscrezioni che arrivano dall'Inghilterra di un interessamento di un private equity sulla società continuano a sostenere YNAP, con i prezzi che dopo aver superato i 31.50 euro avrebbe un prossimo target rialzista sulla soglia dei 33 euro.

Quella di ieri è stata una giornata debole per diverse utilities. Qual è il suo giudizio in particolare su Snam (Amsterdam: QE6.AS - notizie) e Terna (Amsterdam: TX6.AS - notizie) ?

Debolezza di breve per SNAM che in caso di rottura dei 4.08 euro proseguirebbe il suo trend discendente in direzione dei 4 euro.

Situazione identica per TERNA che con la rottura dei 4.90 euro invierebbe un nuovo segnale di debolezza con primi target sui 4.78 euro e a seguire 4.70 euro.

Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino nella sua operatività? A quali consiglia di guardare ora?

Tra i titoli impostati al rialzo segnalo PANARIA oltre i 6.50 euro, RECORDATI (Londra: 0KBS.L - notizie) in caso di pullback sui 38 euro ed infine AMPLIFON (Londra: 0N61.L - notizie) oltre i 13 euro, massimi di sempre per il titolo.

Buon trading

Per consultare le PERFORMANCE dei nostri PORTAFOGLI clicca qui

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online