Italia markets close in 6 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    21.288,35
    +221,80 (+1,05%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,69
    -0,05 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    19.867,32
    +26,92 (+0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    440,66
    -3,88 (-0,87%)
     
  • Oro

    1.654,30
    -1,30 (-0,08%)
     
  • EUR/USD

    0,9689
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.364,35
    +15,75 (+0,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8996
    +0,0063 (+0,70%)
     
  • EUR/CHF

    0,9541
    +0,0032 (+0,34%)
     
  • EUR/CAD

    1,3176
    +0,0007 (+0,05%)
     

Banche europee tagliano consumi energia in vista di blackout invernale

Fiamme di un fornello a gas in una casa a Nizza, in Francia

di Sinead Cruise e Iain Withers

LONDRA (Reuters) - Alcune delle maggiori banche europee stanno predisponendo generatori di emergenza e limitando il consumo di luce in vista di potenziali tagli di corrente e razionamenti energetici.

Con la Russia che taglia le forniture di gas al continente, le banche stanno effettuando stress test per far fronte a possibili carenze energetiche e stanno provvedendo a trovare fonti di energia alternative, come i generatori, per evitare che sportelli bancomat e servizi di banking online restino fuori uso.

C'è un particolare senso di urgenza affinché le società finanziarie agiscano, per via dell'importanza che i pagamenti e le transazioni rivestono per l'economia europea, già fragile a causa delle ripercussioni della guerra.

Sebbene il settore si sia adattato ai lockdown e allo smart working, i blackout elettrici o i razionamenti rappresentano una sfida diversa.

"Il sistema bancario fa parte di altri sistemi", spiega Gianluca Pescaroli, professore in Business Continuity and Organisational Resilience presso l'University College di Londra, che ha fornito consulenza alle autorità londinesi sui blackout.

"La mia principale preoccupazione sono gli effetti a cascata dei guasti ai bancomat o delle transazioni senza contanti. Allo stesso modo, la dipendenza delle banche da altri servizi come internet", ha aggiunto.

JPMorgan, che conta migliaia di dipendenti nelle sedi europee di Londra e Francoforte, ha condotto delle simulazioni di blackout, secondo quanto riferito a Reuters da una fonte.

A seconda della gravità della situazione, la banca potrebbe ricorrere a generatori diesel che potrebbero mantenere in funzione le sedi degli uffici più importanti per diversi giorni.

UniCredit, seconda banca italiana, ha testato la propria resilienza operativa quest'estate, secondo una fonte.

L'ultimo test di 'disaster recovery' si è concentrato sulla resilienza dell'elaborazione dei dati, ha detto la fonte, aggiungendo che i due data center principali della banca sono alimentati da due centrali elettriche indipendenti. Tuttavia, non è chiaro quanto durerà l'alimentazione.

Euronext, che gestisce le borse francesi e italiane, ha detto di aver rivalutato il proprio consumo di energia dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, aggiungendo di avere generatori di riserva, senza però approfondire l'argomento.

Deutsche Bank ha comunicato di stare adottando una serie di misure di risparmio energetico nei suoi 1.400 edifici in Germania, per risparmiare 4,9 milioni di kWh di elettricità all'anno, sufficienti ad alimentare circa 49.000 lampadine per un'ora. L'istituto di credito sta interrompendo l'uso di acqua calda nei bagni, regolando le temperature sul posto di lavoro, spegnendo tutta l'illuminazione interna delle filiali e la pubblicità esterna illuminata durante la notte. Anche la fontana di fronte alla sede centrale di Francoforte resterà senz'acqua.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)