Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    15.155,27
    +303,70 (+2,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Banche Italia, prestiti a imprese in aumento a settembre, sofferenze stabili

·1 minuto per la lettura
Il logo della Banca d'Italia presso la sede nel centro di Milano
Il logo della Banca d'Italia presso la sede nel centro di Milano

MILANO (Reuters) - In settembre la concessione dei prestiti alle imprese da parte delle banche italiane mostra un nuovo incremento con una crescita annua passata a 6,8% rispetto al +6% di agosto.

Lo dicono i dati a cura di Banca d'Italia nel rapporto mensile, da cui si evince anche un andamento sostanzialmente stabile per le sofferenze, a livello sia lordo che netto.

In leggero aumento il controvalore dei Btp detenuti dalle banche italiane nel periodo in osservazione a 444,29 miliardi di euro dai 447,27 miliardi del mese precedente.

La raccolta obbligazionaria resta negativa, con un calo tendenziale pari a 5,9% dopo la flessione di 6,3% di agosto.

Su base annua, i depositi del settore privato sono cresciuti al ritmo di 8,3% dopo l'aumento di 7,1% in agosto, mentre la crescita dei finanziamenti alle famiglie è stata pari a 2,0% da 1,9% del mese precedente.

In valori assoluti le sofferenze lorde passano a 65,077 miliardi da 65,024 miliardi di agosto e le nette a 24,310 miliardi da 24,484 miliardi rivisto.

(Sara Rossi, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)