Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.040,83
    +217,48 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.833,90
    +149,31 (+1,02%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,92
    +0,01 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    27.323,77
    -297,35 (-1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    777,79
    -15,94 (-2,01%)
     
  • Oro

    1.802,50
    -2,90 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1773
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.410,65
    +43,17 (+0,99%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8556
    +0,0009 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0829
    +0,0012 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4798
    +0,0017 (+0,12%)
     

Banche italiane: Moody's alza outlook a stabile da negativo su calo crediti deteriorati

Banche italiane sotto la lente di ingrandimento di Moody's. L'agenzia di rating americana ha migliorato l'outlook sugli istituti di credito tricolore, portandolo a stabile da negativo. "Le prospettive per il sistema bancario italiano sono cambiate poiché i crediti deteriorati continueranno a diminuire, le condizioni di finanziamento delle banche miglioreranno e il loro capitale resterà stabile", spiega Moody's. In particolare, Fabio Iannò, senior credit officer di Moody's, si attende che "i crediti problematici delle banche italiane continueranno a scendere nel 2020, per il quinto anno consecutivo", ma aggiunge che "il loro rapporto di crediti deteriorati di circa l'8% rimane più del doppio rispetto alla media dell'Unione europea del 3%, secondo i dati dell'Autorità bancaria europea". Bisogna infine considerare che Moody's si attende "una crescita debole ma positiva del PIL italiano" e l'outlook è stabile sul rating sovrano italiano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli