Italia markets close in 28 minutes
  • FTSE MIB

    24.576,50
    -45,22 (-0,18%)
     
  • Dow Jones

    34.230,14
    -199,74 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    11.365,81
    -95,68 (-0,83%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    80,24
    +0,26 (+0,33%)
     
  • BTC-EUR

    16.241,37
    -56,86 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,04
    -7,17 (-1,74%)
     
  • Oro

    1.789,70
    -19,90 (-1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,0533
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.036,80
    -34,90 (-0,86%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,24
    -15,66 (-0,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8619
    +0,0046 (+0,54%)
     
  • EUR/CHF

    0,9880
    +0,0013 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4238
    +0,0053 (+0,37%)
     

Banche, Moody’s abbassa a negativo l’outlook di settore per l’Italia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 nov. (askanews) - Le prospettive per i settori bancari in Italia, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Polonia e Slovacchia sono passate "da stabili a negative". Per quelli di Austria e Regno Unito "restano stabili". Lo ha comunicato Moody's, spiegando che "l'aumento dei prezzi e dei tassi influenzerà il merito creditizio di molte imprese e famiglie, innescando la formazione di nuovi crediti problematici".

L'outlook per i settori bancari in Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia, Polonia e Slovacchia sono cambiate da stabili a negative "poiché la crisi energetica, l'inflazione elevata e l'aumento dei tassi di interesse indeboliscono la crescita economica", ha affermato Moody's Investors Service in una serie di report odierni.

Le prospettive per i settori bancari in Austria e nel Regno Unito rimangono invece stabili "poiché un capitale solido e margini migliorati compenseranno le pressioni provenienti da venti contrari macroeconomici".

"Abbiamo modificato le prospettive in negativo per sei settori bancari poiché prevediamo un ulteriore deterioramento delle condizioni operative, con un indebolimento della qualità dei prestiti, della redditività e dell'accesso ai finanziamenti delle banche, sebbene l'impatto varierà da Paese a Paese", ha affermato Louise Welin, VP- Senior Credit Officer di Moody's.

"Le economie sono colpite dalla crisi energetica e dall'elevata inflazione in seguito all'invasione russa dell'Ucraina. L'aumento dei prezzi influenzerà l'affidabilità creditizia di molte imprese e famiglie, innescando la formazione di nuovi prestiti problematici", ha aggiunto.