Italia markets open in 5 hours 20 minutes
  • Dow Jones

    33.815,90
    -321,41 (-0,94%)
     
  • Nasdaq

    13.818,41
    -131,81 (-0,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.987,96
    -200,21 (-0,69%)
     
  • EUR/USD

    1,2026
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    42.354,32
    -2.945,12 (-6,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.166,22
    -76,83 (-6,18%)
     
  • HANG SENG

    28.798,45
    +43,11 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    4.134,98
    -38,44 (-0,92%)
     

Banche: sofferenze in calo a 19,9 miliardi, record dal 2009 (Abi)

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 mar. (askanews) - Le sofferenze bancarie diminuiscono ancora, ai minimi da più di 11 anni. Lo sostiene l'Abi nel rapporto mensile, secondo cui a gennaio le sofferenze nette sono state pari a 19,858 miliardi, mentre a dicembre erano a 20,9 miliardi. Per ritrovare un valore inferiore dello stock delle sofferenze è necessario risalire a giugno 2009. Rispetto al picco di 88,8 miliardi di novembre del 2015, a gennaio del 2021 "la riduzione è di circa 69 miliardi (-77,6%)". Accelerano, sottolinea Palazzo Altieri, i prestiti bancari a famiglie e imprese, per effetto delle moratorie legate al coronavirus, di un maggiore utilizzo della linee di credito e delle garanzie statali sui finanziamenti. A febbraio i prestiti ai nuclei familiari e alle aziende sono aumentati del 5,1% su base annua dopo il +4,9% del mese prima. In particolare a gennaio per i prestiti alle imprese c'è stata una crescita del 7,2% su base annua, mentre per i finanziamenti alle famiglie c'è stato un aumento del 2,2%. L'andamento positivo per la domanda di credito sembra riflettere ancora un'esigenza di liquidità da parte di famiglie e imprese per affrontare la pandemia. Nonostante l'avvio della campagna vaccinale e le prospettive di miglioramento dell'economia nel 2021, per il momento le richieste di finanziamenti appaiono legate soprattutto alla necessità di affrontare l'emergenza. A febbraio, aggiunge l'Abi, la raccolta a medio e lungo termine (tramite obbligazioni) è diminuita ancora rispetto allo stesso mese del 2020, con un -9,4% (circa -22 miliardi) dopo il -9,3% di gennaio. I depositi invece sono aumentati di oltre 161 miliardi rispetto a febbraio dell'anno scorso (+10,2%). E rallenta l'andamento della raccolta complessiva, con un +7,6% annuo dopo il +8,9% di gennaio. Glv