Italia markets close in 6 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    22.156,19
    +95,21 (+0,43%)
     
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,92 (+1,34%)
     
  • Petrolio

    45,66
    +0,32 (+0,71%)
     
  • BTC-EUR

    16.227,67
    -23,34 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    382,48
    +17,89 (+4,91%)
     
  • Oro

    1.797,00
    +16,10 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,1982
    +0,0047 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.525,97
    +33,43 (+0,96%)
     
  • EUR/GBP

    0,8955
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0852
    +0,0020 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5530
    +0,0017 (+0,11%)
     

Banche, valutazione in corso su dividendi, incertezza Covid richiede prudenza- Signorini

·1 minuto per la lettura

ROMA (Reuters) - Bankitalia sta discutendo con le altre banche centrali e la vigilanza europea se sia opportuno estendere oltre la scadenza di gennaio la raccomandazione alle banche di non dare dividendi, ma vista l'incertezza su come evolve l'epidemia, ritiene sia necessaria molta prudenza.

Luigi Federico Signorini, vice direttore generale della Banca d'Italia, ha spiegato così la posizione di via Nazionale sulla questione, assai sensibile per gli istituti e i loro azionisti in una fase di compressione della redditività e anche di rischio prospettico di un peggioramento della qualità del credito.

"Stiamo discutendo con le altre banche centrali e autorità di vigilanza europee (nell'ambito dell'SSM e del Consiglio europeo per il rischio sistemico, ESRB) sull'opportunità di estendere la raccomandazione di non distribuire dividendi, che altrimenti scadrebbe il prossimo 1 gennaio", ha detto Signorini precisando di non essere in grado di anticipare quale sarà la decisione.

"Stiamo attraversando una seconda forte ondata di contagi in tutta Europa. Auspichiamo che possa essere meno grave della prima, ma l'incertezza è grande. Quindi in Banca d'Italia pensiamo che sia necessario essere molto prudenti e considerare attentamente l'evoluzione macroeconomica".

(Stefano Bernabei, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)