Italia markets closed

Banco BPM strappa a +15%, riscossa banche (+14% UBI, +10% Intesa)

Titta Ferraro

Balzo a Piazza Affari delle banche, con Banco BPM in prima fila, sotto la spinta delle parole di Philip Lane della Bce. Il capo economista della Bce ha cercato di tamponare la falla aperta ieri dalla Lagarde sul tema spread. Lane ha scritto sul blog del sito della Bce che l'istituto è pronto a fare di più "e ad adottare tutti i nostri strumenti, se necessario, per assicurare che gli alti spread che vediamo oggi, a causa dell'accelerazione del coronavirus, non mettano in pericolo la trasmissione della nostra politica monetaria in tutti i Paesi dell'Eurozona".

Banco BPM arriva a segnare +15% in area 1,27 euro; balzi a doppia cifra anche per Bper (+12%, al momento sospeso al rialzo), UBI (+14,5%), Intesa Sanpaolo (+10,5%). Unicredit segna +9%.

Oggi Equita, a seguito della revisione delle stime effettuata per incorporare uno scenario macro più sfidante a seguito della diffusione di Covid-19, ha ridotto il prezzo obiettivo su Banco BPM del 13% a 2,5 euro (rating buy confermato). Al target price il titolo tratterebbe con PE 2021 atteso di 8,5x e PTE di 0.38x.

Nei giorni scorsi il presidente designato di Banco Bpm, Massimo Tononi, ha acquistato 3 milioni di titoli Banco Bpm (circa lo 0,2% del capitale) a 1,2706 euro per azione con controvalore dell’operazione di 3,8 milioni di euro.

“Ho fatto questa scelta perché' ho fiducia nelle persone e nelle strategie di Banco Bpm”, ha commentato Tononi, interpellato sulle ragioni del suo acquisto. “Al di là dell'andamento dei mercati azionari di questo periodo - ha aggiunto - sono ottimista sul futuro della banca perché' sta andando nella direzione giusta. Lo dimostrano i risultati ottenuti e la qualità delle persone che li hanno realizzati”. Anche altri esponenti di vertice di Banco Bpm hanno approfittato dei cali di Borsa dei giorni scorsi per investire su Banco Bpm. L'ad Giuseppe Castagna ha comprato 200mila azioni al prezzo unitario di 1,2591 euro, il presidente uscente Carlo Fratta Pasini 70mila titoli a 1,2779 euro e il consigliere Giulio Pedrollo complessivamente 60mila azioni (50mila a 1,32 euro e 10 mila a 1,33).