Italia markets close in 5 hours 45 minutes
  • FTSE MIB

    26.025,73
    +20,33 (+0,08%)
     
  • Dow Jones

    34.639,79
    +617,75 (+1,82%)
     
  • Nasdaq

    15.381,32
    +127,27 (+0,83%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    68,10
    +1,60 (+2,41%)
     
  • BTC-EUR

    50.310,45
    -97,46 (-0,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.452,46
    +13,58 (+0,94%)
     
  • Oro

    1.773,40
    +10,70 (+0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1315
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.577,10
    +64,06 (+1,42%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.102,13
    -5,89 (-0,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8516
    +0,0023 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0398
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4526
    +0,0053 (+0,37%)
     

Bankitalia: debito pubblico cala a 2.706,4 mld a settembre

·1 minuto per la lettura

Cala a settembre il debito pubblico italiano. Stando all'aggiornamento mensile della Banca d'Italia, che ha pubblicato “Finanza pubblica: fabbisogno e debito”, lo scorso settembre il debito delle amministrazioni pubbliche è diminuito di 27,9 miliardi di euro rispetto al mese di agosto, risultando pari a 2.706,4 miliardi. Il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (15,6 miliardi), spiega Bankitalia, è stato più che compensato dalla riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (43,3 miliardi, a 96,3). L’effetto degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio hanno complessivamente ridotto il debito di 0,1 miliardi. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è diminuito di 28,3 miliardi, mentre quello delle amministrazioni locali è aumentato di 0,3. Il debito degli enti di previdenza è rimasto invece stabile. Alla fine di settembre la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia era pari al 24,1% (0,6 punti percentuali in più rispetto al mese precedente); la vita media residua del debito è rimasta stabile, a 7,6 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli