Italia markets open in 1 hour 39 minutes
  • Dow Jones

    33.677,27
    -68,13 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    13.996,10
    +146,10 (+1,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.682,57
    +143,87 (+0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,1966
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    53.842,53
    +2.939,76 (+5,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.390,73
    +96,74 (+7,48%)
     
  • HANG SENG

    28.837,96
    +340,71 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    4.141,59
    +13,60 (+0,33%)
     

Bankitalia: a gennaio debito record, sale a 2.603,1 miliardi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 mar. (askanews) - A gennaio il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 33,9 miliardi rispetto alla fine del 2020, risultando pari a 2.603,1 miliardi. Lo ha reso noto la Banca d'Italia che ha diffuso la pubblicazione "Finanza pubblica: fabbisogno e debito".

L'incremento è dovuto all'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (32,6 miliardi, a 75,1) e al fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (2,1 miliardi); l'effetto degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha ridotto il debito per 0,9 miliardi.

Quanto alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 33,6 miliardi e quello delle Amministrazioni locali di 0,3 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto stabile.

A gennaio la quota del debito detenuta dalla Banca d'Italia è risultata pari al 21,8 per cento (21,6 per cento a dicembre). La vita media residua del debito è leggermente diminuita rispetto a dicembre, a 7,3 anni.

Mlp