Italia markets close in 28 minutes
  • FTSE MIB

    21.799,10
    +92,14 (+0,42%)
     
  • Dow Jones

    29.493,30
    +229,82 (+0,79%)
     
  • Nasdaq

    11.873,83
    +18,86 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    25.527,37
    -106,93 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    42,96
    +0,54 (+1,27%)
     
  • BTC-EUR

    15.432,38
    -120,69 (-0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    359,93
    -1,50 (-0,41%)
     
  • Oro

    1.834,10
    -38,30 (-2,05%)
     
  • EUR/USD

    1,1827
    -0,0035 (-0,30%)
     
  • S&P 500

    3.574,25
    +16,71 (+0,47%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.479,89
    +12,29 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8891
    -0,0031 (-0,35%)
     
  • EUR/CHF

    1,0799
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5476
    -0,0052 (-0,33%)
     

Bankitalia: no a uscita anticipata da misure sostegno economia

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 20 nov. (askanews) - È necessario evitare una "uscita anticipata" dalle misure di sostegno all'economia decise per l'emergenza coronavirus. Lo sottolinea la Banca d'Italia, secondo cui "nell'attuale situazione di incertezza va evitata un'uscita anticipata dagli interventi di supporto, che potrebbe riflettersi anche su imprese in grado di superare la crisi. In prospettiva, l'efficace attuazione di misure volte a favorire la patrimonializzazione delle aziende e a riequilibrarne la struttura finanziaria può contribuire ad attenuare i rischi". "Le misure di politica economica finora adottate - spiega Palazzo Koch - tra cui l'espansione della cassa integrazione guadagni, la moratoria sui prestiti, il posticipo degli adempimenti fiscali, i contributi a fondo perduto e gli schemi di garanzia sui nuovi finanziamenti, hanno contribuito ad attenuare le conseguenze economiche della pandemia per le imprese e ne hanno ampiamente soddisfatto il fabbisogno di liquidità". "Ciò nonostante - aggiunge Via Nazionale nel rapporto sulla stabilità finanziaria - l'economia italiana dovrà fronteggiare i rischi connessi con l'aumento dell'indebitamento delle società non finanziarie e con la progressiva rimozione delle misure di sostegno".