Italia markets open in 8 hours 41 minutes
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,1772
    -0,0054 (-0,46%)
     
  • BTC-EUR

    40.457,58
    -723,73 (-1,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.209,85
    -23,43 (-1,90%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     

Bankitalia: nuovo record debito pubblico a luglio, a 2.725,9 mld

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 set. (askanews) - Ancora record per il debito pubblico italiano. A luglio, secondo il dato reso noto nelle rilevazioni della Banca d'Italia nella pubblicazione sulla 'Finanza pubblica,fabbisogno e debito', il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 29,7 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.725,9 miliardi. A giugno era stato pari a 2.696,2 miliardi.

L'incremento, spiega Bankitalia, "è dovuto all'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (36,3 miliardi, a 120,8), che ha più che compensato l'avanzo di cassa delle amministrazioni pubbliche (7,1 miliardi); l'effetto degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio complessivamente ha aumentato il debito per 0,4 miliardi".

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 30 miliardi, mentre quello delle amministrazioni locali è diminuito di 0,3 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto stabile.

La quota del debito detenuta dalla Banca d'Italia è stata pari al 23,4 per cento (0,4 punti percentuali in più rispetto al mese precedente); la vita media residua è lievemente diminuita, a 7,4 anni.

A luglio le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 48,4 miliardi, in aumento del 10,5 per cento (4,6 miliardi) rispetto al corrispondente mese del 2020. Nei primi sette mesi del 2021 le entrate tributarie sono state pari a 243,2 miliardi, in aumento del 13,8 per cento (29,5 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Oltre al più favorevole quadro macroeconomico, questo aumento riflette l'effetto di alcuni fattori straordinari tra i quali la revisione delle scadenze per il versamento di alcune imposte disposta nel 2020.

Rbr

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli