Italia markets close in 7 hours 1 minute
  • FTSE MIB

    18.758,91
    -186,23 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    27.685,38
    -650,19 (-2,29%)
     
  • Nasdaq

    11.358,94
    -189,34 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    38,67
    +0,11 (+0,29%)
     
  • BTC-EUR

    11.090,62
    -10,68 (-0,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,74
    -2,68 (-1,02%)
     
  • Oro

    1.899,20
    -6,50 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1818
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.400,97
    -64,42 (-1,86%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.073,00
    -32,25 (-1,04%)
     
  • EUR/GBP

    0,9074
    +0,0009 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0728
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5582
    -0,0011 (-0,07%)
     

Bankitalia: produzione industria tornata su livelli pre-pandemia

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 16 ott. (askanews) - Nel terzo trimestre la produzione industriale è cresciuta di circa il 30%, "ritornando ai volumi precedenti l'inizio dell'epidemia". Lo afferma la Banca d'Italia nel bollettino economico, secondo cui l'attività industriale, "che era caduta fortemente ad aprile ma aveva in parte recuperato già a maggio e giugno, è ulteriormente aumentata a luglio e agosto (rispettivamente del 7% e del 7,7%), sostenuta soprattutto dai beni strumentali e da quelli intermedi". L'indagine sulle imprese realizzata da Palazzo Koch a settembre "conferma la ripresa in atto: la proporzione di aziende che si aspetta un miglioramento della situazione economica generale rispetto ai tre mesi precedenti sale al 30%, dal 3% della scorsa rilevazione". I servizi, "che più duramente hanno risentito delle misure di contenimento della pandemia, avrebbero nel complesso contribuito positivamente alla crescita dell'attività economica nel terzo trimestre, a seguito della parziale riapertura di molte attività e del buon andamento dei flussi turistici interni". "Avrebbe tuttavia - aggiunge Bankitalia - ancora esercitato un freno la componente estera del turismo, soprattutto per i servizi alberghieri e di ristorazione: ad agosto le spese di viaggiatori stranieri in Italia sono state inferiori di circa un quarto rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, mentre a giugno erano inferiori di oltre tre quarti".