Italia markets open in 2 hours 19 minutes
  • Dow Jones

    34.152,01
    +239,61 (+0,71%)
     
  • Nasdaq

    13.102,55
    -25,55 (-0,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.160,64
    +291,73 (+1,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0180
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    23.607,15
    -161,53 (-0,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    572,79
    +0,88 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    19.997,79
    +167,27 (+0,84%)
     
  • S&P 500

    4.305,20
    +8,06 (+0,19%)
     

Bankitalia: rischi per stabilità finanziaria di nuovo in aumento

·1 minuto per la lettura

Roma, 20 nov. (askanews) - I rischi per la stabilità finanziaria "provenienti dal quadro macroeconomico sono tornati ad aumentare con il riacutizzarsi della pandemia". Lo afferma la Banca d'Italia nel rapporto sulla stabilità finanziaria, sottolineando che "questa situazione incide sulle prospettive di crescita, la cui evoluzione dipenderà dall'efficacia e dalla determinazione degli interventi di politica economica". "Durante l'estate - spiega Via Nazionale - la ripresa dell'attività in Europa e in Italia è stata più ampia delle attese, evidenziando la capacità di recupero dell'economia e l'efficacia delle misure di sostegno monetarie, di bilancio e di vigilanza. In Italia come negli altri paesi dell'Unione Europea, le condizioni sui mercati finanziari sono significativamente migliorate, con il pressochè completo rientro delle tensioni emerse in primavera". "Questo andamento - aggiunge Palazzo Koch - ha beneficiato soprattutto degli effetti del programma di acquisto di titoli pubblici e privati per l'emergenza pandemica (Pandemic emergency purchase programme, Pepp) e del miglioramento delle aspettative che ha fatto seguito all'accordo del Consiglio europeo sul programma Next Generation Eu: quest'ultimo permetterà di fornire un deciso sostegno alle economie sfruttando il bilancio e la capacità di prestito dell'Unione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli