Italia markets close in 2 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    22.165,38
    +157,98 (+0,72%)
     
  • Dow Jones

    29.969,52
    +85,73 (+0,29%)
     
  • Nasdaq

    12.377,18
    +27,82 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    45,99
    +0,35 (+0,77%)
     
  • BTC-EUR

    15.637,62
    -218,52 (-1,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    372,44
    -1,97 (-0,53%)
     
  • Oro

    1.840,90
    -0,20 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2154
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.666,72
    -2,29 (-0,06%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.525,35
    +8,25 (+0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,9008
    -0,0018 (-0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0815
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5592
    -0,0025 (-0,16%)
     

Bankitalia: a settembre debito record, a quota 2.582,6 miliardi

Mlp
·1 minuto per la lettura

Roma, 16 nov. (askanews) - A fine settembre il debito delle Amministrazioni pubbliche era pari a 2.582,6 miliardi, in aumento di 3,8 miliardi rispetto al mese precedente. Lo ha reso noto la Banca d'Italia che ha diffuso la pubblicazione statistica "Finanza pubblica: fabbisogno e debito". Il fabbisogno del mese (20,9 miliardi) è stato solo parzialmente compensato dalla riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (-16,3 miliardi, a 84,5) e dall'effetto degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio (che hanno complessivamente ridotto il debito di 0,8 miliardi). Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 4,4 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 0,6 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente stabile. Rispetto al mese precedente, la vita media residua del debito è rimasta sostanzialmente stabile, risultando pari a 7,2 anni. La quota del debito detenuta dalla Banca d'Italia è aumentata di 0,4 punti percentuali, al 20,5 per cento.