Italia markets close in 2 hours 29 minutes
  • FTSE MIB

    21.773,36
    -315,00 (-1,43%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,15
    -0,12 (-0,23%)
     
  • BTC-EUR

    28.420,27
    +930,55 (+3,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    694,24
    +17,34 (+2,56%)
     
  • Oro

    1.863,80
    +7,60 (+0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2154
    -0,0021 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.554,01
    -48,40 (-1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8877
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0775
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5451
    -0,0048 (-0,31%)
     

Bankitalia: tasse pesano sul lavoro, Italia tra peggiori in Ue

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 gen. (askanews) - In Italia "il prelievo sul lavoro è tra i più elevati in Europa". Lo ha sottolineato Giacomo Ricotti, capo del servizio Assistenza e consulenza fiscale della Banca d'Italia. Anche se negli ultimi anni "diversi interventi hanno concorso a diminuire il livello dell'imposizione, l'Italia nel confronto internazionale si caratterizza ancora per l'alta incidenza del carico fiscale sul capitale e soprattutto sul lavoro".

In base agli ultimi dati della commissione europea "l'aliquota implicita di tassazione sul lavoro, che include anche i contributi sociali versati dal datore e dal lavoratore, è stata pari nel 2018 al 42,7% (la terza più alta) a fronte di una media del 38,6% per l'area euro".

Anche le più recenti analisi dell'Ocse, riferite al 2019, "confermano l'Italia tra i paesi con il cuneo fiscale sul lavoro più elevato. Ad esempio, per un lavoratore single con una retribuzione pari a quella media il cuneo fiscale è pari al 48% del costo del lavoro, inferiore solo a quello del Belgio e della Germania".

Nel 2018 poi "in Italia il peso relativo delle imposte sul capitale è stato più alto della media europea (23% contro una media per l'area euro del 21%), così come l'aliquota effettiva di tassazione che si ottiene rapportando tutte le imposte su tale fattore (sui redditi e sullo stock, di famiglie e imprese) al totale dei redditi da capitale (29,2% contro il 23%)".

"Considerando la sola tassazione societaria - ha aggiunto Ricotti in un'audizione in parlamento sulla riforma fiscale - nel 2018 l'aliquota effettiva media è stata pari in Italia al 24,6% a fronte di una media del 21,7% per l'area euro. Includendo anche la tassazione dei dividendi (ma non quella della ricchezza finanziaria), la stessa aliquota si attestava al 36% (30,2% nell'area euro)".