FTSE MIB
21.613,30
+78,78
0,37%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.043,57
+92,74
0,40%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.625,25
+41,08
0,62%
^FTSE
Dax
9.409,71
+91,89
0,99%
^GDAXI
Dow Jones
16.408,54
-16,31
0,10%
^DJI
S&P 500
1.864,85
+2,54
0,14%
^GSPC
Nikkei 225
14.516,27
+98,74
0,68%
^N225
Euro-Dollaro
1,3813
0,0001
0,01%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8226
0,00
0,01%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2203
0,0001
0,01%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5955
0,00
0,00%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,4756
0,0151
0,01%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,5977
0,008
0,09%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,1753
0,0233
0,05%
EURRUB=X
Petrolio gr.
104,59
0,83
0,80%
Genera grafico per CLK14.NYM
Gas naturale
4,74
0,20
+4,53%
NGK14.NYM
Oro
1.295,80
-7,90
0,61%
GCQ14.CMX
Argento
19,65
0,02
0,08%
SIK14.CMX
Rame
3,04
0,02
0,51%
HGK14.CMX
Grano
697,50
+2,25
0,32%
WN14.CBT
Mais
499,25
-4,25
0,84%
CN14.CBT
 

Barack Obama presidente: cosa cambia per l'Europa

Barack Obama sarà il presidente degli Stati Uniti per altri quattro anni. La vittoria su Romney è l’epilogo della notte elettorale. Obama è avanti, rispetto al rivale, anche nel voto popolare. Insomma, l’America ha deciso per la continuità in un momento storico difficile, attraversato da una delle più pesanti crisi che l’economia mondiale ricordi. I mercati hanno aperto all’insegna dell’ottimismo, per poi tornare verso il segno meno attorno a metà seduta.

L’Europa si congratula con il presidente rieletto. Angela Merkel, in una nota rivolta a Obama, scrive: “Ho apprezzato particolarmente le nostre numerose discussioni, in particolare quelle su come superare la crisi economica e finanziaria mondiale”. La cancelliera ha colto l’occasione per invitare il presidente in Germania, augurandogli “forza” e “successo” per il secondo mandato. “Sarebbe una gioia averla di nuovo ospite in Germania e poterla salutare”, ha concluso la Merkel.

I complimenti sono arrivati anche dall’Italia. Tra i primi leader mondiali a congratularsi con Obama, il presidente Giorgio Napolitano, che ha sottolineato come “il popolo americano e quello italiano hanno bisogno della più solida amicizia tra i nostri due Paesi e della più stretta collaborazione tra Stati Uniti ed Europa perché possa avanzare nel mondo la causa della pace, della democrazia e dei diritti umani”. Anche il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha scritto su una lettera indirizzata a Barack Obama di “guardare con piacere alla continuazione della cooperazione tra noi, fondata sulla particolare sintonia che si è venuta creando, a livello personale così come tra i nostri due Governi”. Con la conferma di Obama “l’Italia sa di poter contare su un’America amica e forte”.

Un Obama bis garantirà una certa continuità anche ai rapporti tra Usa e Europa. Se l’avesse spuntata il repubblicano Romney, sarebbe stato lecito aspettarsi qualche cambiamento. “Se Obama vince gli Stati Uniti faranno la fine di Atene, Madrid e Roma”, aveva detto in campagna elettorale lo sfidante sconfitto. Non certo parole al miele per le relazioni internazionali con l’Europa. Qui non conta neanche tanto la ragione, c’entra, semmai, l’orgoglio. E un presidente che si presenta con questo biglietto da visita, sicuramente, non avrebbe goduto di grande simpatia tra i Paesi del Vecchio continente.

Con Obama, dicevamo, vince la continuità. Ma la vittoria non consentirà grandi cambiamenti. Il Paese è diviso, pesantemente condizionato dal controllo repubblicano della Camera dei Rappresentanti e da una fragile maggioranza democratica al Senato. In politica interna si dovranno fare i conti con una crisi finanziaria tutt’altro che passata, un debito pubblico fuori controllo, un’occupazione che cresce ancora troppo lentamente e un’industria manifatturiera in grave difficoltà. La politica estera, invece, dovrà affrontare il ritiro delle truppe in Afghanistan, previsto nel 2014, e i rapporti con la Cina.

L’Europa risentirà, di rimando, di questi scenari soprattutto se continuerà a ritardare le riforme istituzionali tese a rendere più solidi i poteri comunitari e il ruolo della Banca Centrale europea. Se è vero che la mancata elezione di Romney può essere vissuta come uno scampato pericolo per l’Europa, la riconferma democratica non deve creare false illusioni: gli interessi statunitensi sono sempre più distanti dall’Europa. Obama potrà proseguire sulla via diplomatica, raffreddando le tensioni tra Russia e Cina, cercando di contenere il conflitto in Medio Oriente e affrontando la questione iraniana. Questi orientamenti, se confermati, potrebbero portare anche qualche beneficio oltre oceano.

Ma l’Europa farebbe bene ad affrontare le questioni aperte direttamente, come la regolamentazione finanziaria e la crisi economica. In America devono già fare i conti con la loro. E prima di guardare in casa nostra, Barack Obama avrà ben altro a cui pensare.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.