Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    -0,0037 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    16.271,38
    +58,02 (+0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    381,87
    +17,27 (+4,74%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     

Bassetti: "No al tampone per i contatti degli asintomatici"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Fare il tampone ai contatti stretti degli asintomatici è una di quelle cose che in questo momento possiamo lasciare da parte. Dobbiamo concentrarci soprattutto sui contatti stetti di chi arriva negli ospedali sintomatico. Queste persone, al di là del tampone, devono stare in quarantena per 10 giorni". Così Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente della task force Covid-19 della Liguria, commenta all'Adnkronos Salute la proposta avanzata dalle Regioni di non fare i tamponi ai contatti stretti degli asintomatici.

Bassetti ricorda che per contatto stretto "si intende essere stati per almeno 10 minuti a meno di un metro di distanza dal positivo senza nessuna protezione. Tanta gente oggi viene messa in isolamento senza rispettare questa indicazione del ministero della Salute - avverte l'infettivolgo - Se non la rispettiamo, con la forte circolazione del virus, rischiamo di avere il 10-15% della popolazione italiana finito in quarantena".