Italia markets open in 1 hour 39 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,96 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,29 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.097,94
    -213,36 (-0,78%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    20.352,59
    -531,15 (-2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    453,85
    -9,28 (-2,00%)
     
  • HANG SENG

    17.776,55
    -235,60 (-1,31%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Batteri nelle acque dei parchi di divertimento: il blitz dei Nas

parchi acquatici batteri fecali
parchi acquatici batteri fecali

Tra luglio e agosto i Nas hanno effettuato un blitz in 288 parchi acquatici sul territorio italiano, riscontrando tracce di batteri fecali e altre cariche batteriche nelle acque di 10 strutture.

Blitz dei Nas nei parchi acquatici: “Forte presenza di batteri fecali nella acque”

Nel corso di un blitz effettuato su larga scala tra luglio e agosto, i carabinieri dei Nas hanno riscontrato acqua contaminata da batteri fecali e casi di abusivismo in alcuni parchi acquatici dislocati sul territorio nazionale.

Il Nucleo Anti Sofisticazioni ha ispezionato 288 strutture, e tra queste 83 sono risultate irregolari, con conseguenti sanzioni amministrative per oltre 40mila euro.

Nelle province di Messina, Viterbo e Latina 4 strutture sono state chiuse, dopo che i controlli hanno appurato “l’inidoneità delle acque utilizzate negli impianti natatori e di divertimento“.

Carenze igieniche e alimenti scaduti

A Napoli, Bari e Reggio Calabria tre parchi acquatici sono stati chiusi per rilevanti carenze strutturali e organizzative. Nello specifico, le violazioni riguardavano l’inosservanza delle norme anticovid, non segnalate dalla cartellonistica informativa e dalle periodiche sanificazioni.

I carabinieri hanno sequestrato 250 chilogrammi di alimenti scaduti, destinati alla clientela e privi di rintracciabilità. Sono state registrate infine carenze igieniche negli ambienti adibiti alla preparazione dei pasti.