Italia markets close in 7 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    18.904,05
    -41,09 (-0,22%)
     
  • Dow Jones

    27.685,38
    -650,19 (-2,29%)
     
  • Nasdaq

    11.358,94
    -189,34 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    38,95
    +0,39 (+1,01%)
     
  • BTC-EUR

    11.134,11
    +32,81 (+0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,75
    -1,66 (-0,63%)
     
  • Oro

    1.902,00
    -3,70 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1815
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.400,97
    -64,42 (-1,86%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.096,88
    -8,37 (-0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,9073
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0722
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5572
    -0,0021 (-0,14%)
     

Battisti: AV come immaginata sinora probabilmente non ci sarà più

Rar
·1 minuto per la lettura

Milano, 19 set. (askanews) - "L'Alta velocità come l'abbiamo immaginata sino ad oggi probabilmente non ci sarà più, perchè il traffico tipico, che è quello business, si è praticamente dissolto". Lo ha dichiarato l'Ad di Fs, Gianfranco Battisti, nel corso di un dibattito ad Assisi per il Cortile di Francesco. E questo, ha spiegato, non solo durante la fase della pandemia ma anche quando l'emergenza sarà finita "perchè nel frattempo ci sarà l'abitudine a gestire diversamente il modo di fare le riunioni, il fatto di farle in teleconferenza cambia il modo di spostarsi" nel settore business. Invece, ha sottolineato Battisti, "sul trasporto regionale abbiamo un'altra esigenza, molto più strategica, quella cioè di abbassare la curva di ingresso dei treni nelle ora di punta nei grandi nodi urbani". Secondo il numero uno di Fs, il vecchio modello concentrato nelle ore di punta "non più funzionare e insieme alle aziende, alle scuole, alle istituzioni va completamente ridisegnato un mondo, perchè non è pensabile far viaggiare tutti alla stessa ora coi treni strapieni. E' un esigenza strutturale ma non possiamo farlo da soli, abbiamo bisogno dell'appoggio delle istituzioni. Nelle scuole per esempio - ha proseguito Battisti - credo che sia fondamentale avere una forbice di ingresso più ampia, questo ci permetterà di far viaggiare i pendolari in sicurezza, ridistribuendoli. C'è da ridisegnare tutto".