Italia markets open in 3 hours 43 minutes
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.619,53
    -534,30 (-1,97%)
     
  • EUR/USD

    0,9658
    -0,0030 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    19.550,22
    -251,48 (-1,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    433,46
    -11,07 (-2,49%)
     
  • HANG SENG

    17.962,72
    +29,45 (+0,16%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     

BBorsa Milano in forte rialzo spinta da banche, vola Mps, pesante Avio

Una donna davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari spinge sull'acceleratore, corroborata anche dall'avvio positivo di Wall Street, in un clima che beneficia anche dei progressi militari fatti dalle forze ucraine contro l'invasione russa.

"Mercati in spolvero al traino di banche, auto e petroliferi anche se i volumi sono sempre rarefatti", osserva un trader.

Intorno alle 16,20 l'indice FTSE Mib guadagna il 2,33% sui massimi di seduta con volumi che si avvicinano a quota 1,1 miliardi di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Sempre toniche le banche (+3,4% il settore), sostenute dalle ricoperture dopo il rialzo dei tassi Bce deciso la settimana scorsa che aiuta i margini degli istituti di credito, spiegano i trader. Tra queste brilla BANCA MPS che strappa con un balzo del 22% circa a 0,37 euro, dopo essere stata particolarmente bersagliata dalla vendite nelle ultime settimane in vista dell'aumento di capitale iperdiluitivo. Il broker Equita scrive che "diversi articoli di stampa nel weekend tornano sul tema dell'aumento di capitale di Mps e in particolare sul ruolo che potrebbero avere gli anchor investor per la sua realizzazione".

In luce anche Bper con +5%, UniCredit e Intesa Sanpaolo con rialzi intorno al 3%.

Bene anche il risparmio gestito con Banca Mediolanum a +4,4%, Finecobank a +3,6%, Anima a +3,5%.

Il rialzo del greggio dà nuova forza ai petroliferi con Eni a +2,1%. Sugli scudi anche Saipem che cresce del 4,9%.

Brilla Tim (+4% circa) dopo diverse sedute negative e ripetuti minimi storici toccati.

Ben raccolta anche Seco in salita di oltre il 6% dopo i risultati semestrali resi noti stamani dalla società specializzata nello sviluppo di soluzioni Internet of Things. L'AD ha detto a Reuters di vedere ricavi in crescita a doppia cifra a partire dal 2023.

Il clima ottimista premia gran parte degli industriali, con il settore auto particolarmente ben comprato in tutta Europa: Stellantis +3,1%%, Brembo +5%, Pirelli +2,5%.

Fra i pochi titoli in rosso, svetta Avio con un calo di oltre il 15% dopo che venerdì sera ha tagliato la guidance sull'Ebitda e l'utile netto di quest'anno a causa del rincaro dei costi energetici. Banca Akros ha tagliato la raccomandazione da "Buy" a "Neutral", sottolineando che "i rischi risiedono in un redditività del portafoglio ordini inferiore alle attese e nel breve termine sui costi dell'energia".

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)