Italia markets close in 6 hours 29 minutes
  • FTSE MIB

    20.622,50
    -338,88 (-1,62%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    78,42
    -0,08 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    19.629,75
    -1.621,40 (-7,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    428,94
    -30,19 (-6,58%)
     
  • Oro

    1.627,10
    -9,10 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    0,9557
    -0,0040 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.281,96
    -46,69 (-1,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8940
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9492
    -0,0023 (-0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,3184
    +0,0014 (+0,11%)
     

Bce alza tassi di 75 pb: “Inflazione troppo alta, frenare domanda”

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 set. (askanews) - La Banca centrale europea ha operato un energico aumento dei tassi di interesse in risposta a livelli di inflazione che giudica e "di gran lunga troppo elevata" e che prevede resti su valori superiori ai suoi obiettivi "per un prolungato periodo di tempo". L'istituzione monetaria ha aumentato di 75 punti base, ovvero 0,75 punti percentuali tutti i tassi di riferimento: le operazioni di rifinanziamento principali vedono il tasso salire all'1,25%, a decorrere dal 14 settembre, il tasso sulle operazioni marginali salirà all'1,50% e il tasso sui depositi che le banche parcheggiano presso la stessa istituzione sale allo 0,75%.

La Bce ha inoltre avvertito che conta "di aumentare ulteriormente i tassi di interesse nelle prossime riunioni per frenare la domanda e mettere a riparo dal rischio di un persistente incremento dell'inflazione attesa".

Frasi che sembrano cambiare la rotta della politica monetaria precedentemente impegnata a "normalizzare" la linea a una dinamica che ora si preannuncia apertamente restrittiva. L'intervento giunge dopo che ad agosto secondo le stime preliminari l'inflazione media nell'eurozona raggiunto un nuovo record con il 9,1%.

Sempre oggi la Bce ha consistentemente rivisto il rialzo le sue previsioni proprio sul carovita: i tecnici di Francoforte ora si attendono 8,1% quest'anno, 5,5% nel 2023 e 2,3% nel 2024. Tre mesi fa pronosticavano una inflazione 2022 al 6,8%, nel 2023 al 3,5% e nel 2024 al 2,1%. Tagliate all'opposto le previsioni di crescita: 3,1% nel 2022, 0,9% nel 2023 e 1,9% nel 2024.

"Il consiglio è pronto adeguare tutti i suoi strumenti nell'ambito del proprio mandato per assicurare che l'inflazione si stabilizzi sull'obiettivo del 2% a medio termine", ha avvertito la Bce. Ora l'attenzione si sposta sulla conferenza stampa esplicativa che la presidente Christine Lagarde terrà alle 14 e 45.