Italia markets close in 5 hours 32 minutes
  • FTSE MIB

    24.612,69
    -9,03 (-0,04%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,88 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,90 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    81,60
    +1,62 (+2,03%)
     
  • BTC-EUR

    16.437,97
    +179,37 (+1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    410,61
    +9,19 (+2,29%)
     
  • Oro

    1.808,30
    -1,30 (-0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0539
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.968,88
    -9,02 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8604
    +0,0031 (+0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9861
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4155
    -0,0030 (-0,21%)
     

Bce alzerà tassi quanto necessario per contenere inflazione 'core' - Villeroy

Francois Villeroy de Galhau, governatore della Banca centrale di Francia e membro del comitato esecutivo della Bce, a Parigi

PARIGI (Reuters) - La Banca centrale europea aumenterà i tassi di interesse nella misura necessaria per ridurre l'inflazione di fondo, ma il ritmo potrebbe rallentare dopo la fine dell'anno.

Lo ha affermato Francois Villeroy de Galhau, governatore della Banca centrale di Francia e membro del comitato esecutivo della Bce.

Secondo Villeroy il livello del 4,8% dell'inflazione di fondo della zona euro, che esclude i prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari oltre il controllo della banca centrale, è troppo ampio e troppo alto.

"Aumenteremo i tassi di interesse nella misura necessaria a far scendere l'inflazione core", ha detto Villeroy al quotidiano olandese Nrc.

"Tra l'altro, questo avrà un effetto positivo sugli utili netti delle banche; le banche europee sono quindi più solide di quanto temono alcuni", ha aggiunto.

Negli ultimi giorni le banche europee sono state messe sotto pressione dai mercati finanziari a causa delle preoccupazioni sulla salute del gruppo svizzero Credit Suisse.

Dopo gli aumenti della Bce del tasso di interesse principale di 50 punti base a luglio e di 75 a settembre, Villeroy ha affermato che è importante che le prossime mosse della Bce rimangano "ordinate". Ciò significa non scuotere i mercati né inasprire troppo bruscamente le condizioni finanziarie per famiglie e imprese.

Villeroy ha affermato che la Bce dovrebbe alzare i tassi di interesse "senza esitazione, entro la fine dell'anno" fino al livello in cui non stimolano né frenano l'economia, che secondo le sue stime è "inferiore o vicino al 2%".

Dopodiché, la Bce intraprenderà una seconda fase del ciclo di normalizzazione delle politiche monetarie, che sarà "più flessibile e forse più lenta".

"Non dico che i rialzi dei tassi si fermeranno qui, ma dovremo valutare in modo esaustivo l'inflazione e le prospettive economiche", ha aggiunto.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Antonella Cinelli)