Italia markets close in 1 hour 52 minutes
  • FTSE MIB

    23.930,22
    -158,43 (-0,66%)
     
  • Dow Jones

    33.836,63
    +15,33 (+0,05%)
     
  • Nasdaq

    13.728,87
    -57,40 (-0,42%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,21
    -1,46 (-2,33%)
     
  • BTC-EUR

    46.267,12
    -676,89 (-1,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.277,26
    +14,30 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.785,00
    +6,60 (+0,37%)
     
  • EUR/USD

    1,2006
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • S&P 500

    4.129,06
    -5,88 (-0,14%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.951,14
    +10,68 (+0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,8639
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,1028
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,5160
    -0,0010 (-0,07%)
     

BCE compra BTP a qualsiasi prezzo

Alessio Zavarise
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari si stacca dai 23.000 di FtseMib e, contrariamente alle attese, sale in area 24.000, registrando quindi un nuovo top di periodo; il target rialzista massimo potenziale che si ipotizzava a 24.650 e’ quindi ora visibile, anche se oggettivamente stride con una situazione pandemica in peggioramento per via delle varianti.

Il mercato fonda il suo ottimismo non solo sul buon esito della vaccinazione, ma anche sul continuo e massiccio sostegno dei titoli di Stato da parte della Bce, anche a valori doppi rispetto alla crisi dello spread a fine 2011; il pericolo di bolla è quindi evidente se questi valori vengono rapportati ai dati macroeconomici reali, visto che prima o poi questi aiuti termineranno e qualche dubbio su una forte ripresa economica nel nostro paese purtroppo sussiste.  

Il trend rialzista in corso verrebbe comunque interrotto solo con una chiusura sotto 23.650, con obiettivo di brevissimo a 23.000 e di breve-medio a 22.000 e 21.400 dell’indice.  

Dal punto di vista operativo, si consiglia di sfruttare il rialzo sopra 24.000 per liquidare le posizioni di trading e contestualmente di incrementare la copertura del portafoglio con strumenti ribassisti sull’indice, con scadenza possibilmente settembre; una correzione improvvisa e anche repentina è sempre possibile in una fase come questa; tutti gli indici presentano ora potenzialita’ di discesa di almeno il 10%, dopo praticamente un anno di salita.  

Autore: Alessio Zavarise Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online